Euro2016, Ibra e CR7 stelle cadenti di questo Europeo

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Europei


Ibra e CR7 stelle cadenti di questo Europeo. E’ un Europeo di Francia tutto da vivere. La kermesse continentale ha fino ad ora spiazzato i tanti tifosi e donne e uomini di calcio più per i flop che per i top, Italia a parte. Nessuno di noi avrebbe scommesso a inizio competizione su un Portogallo cosi in difficoltà in un girone, il gruppo F, considerato il più semplice del torneo, almeno sulla carta e al pari di quello francese. Un’altra notizia non facilmente prevedibile è una Svezia a corto di idee e di fiato, ma che forse sembra avere qualcosa in più rispetto ai portoghesi. Insomma, il Portogallo di Cristiano Ronaldo sembra essere la potenza europea più deludente di questo europeo di calcio, stando a quanto si è visto nelle prime due giornate. Quindi, un filo dietro si piazza la Svezia di Zlatan Ibrahimovic, dopo il flop del calciatore in forza al Paris Saint Germain, chiuso in una ragnatela di movimenti e linee di passaggio chiuse dalla retroguardia azzurra. Ibra e CR7 stelle cadenti di questo Europeo, ma bisogna pur ammettere che sono tanti i top che hanno floppato. Anche se almeno alle rispettive nazionali manca solo l’ultimo passo per conquistare il passaggio dei gironi e la qualificazione agli ottavi di finale: i vari Pogba, Muller, Hazard, Mandzukic non hanno di certo brillato e anche le loro nazionali hanno faticato non poco contro avversari almeno sulla carta più deboli, ma almeno alla fine il passaggio del girone non sembra un problema.

Ibra e CR7 stelle cadenti di questo Europeo. La Svezia, dopo la sconfitta contro gli azzurri e il pari contro gli irlandesi, ha dimostrato grosse pecche in fase offensiva: se la difesa ha tenuto il colpo, è l’attacco che lascia a desiderare. Zlatan  contro il Belgio dovrà cacciare tutto il suo talento e metterlo a disposizione non tanto dei compagni ma funzionale per la vittoria finale. Gli svedesi devono solo vincere per restare in Francia, un risultato diverso vorrebbe dire fine della competizione. Il Portogallo vive uno psicodramma: con il centravanti più forte al mondo (e i vari Nani, Quaresma) non riesce a segnare. Steccata la gara contro l’Islanda, steccata anche la partita di ieri sera contro l’Austria, anche per i portoghesi vige la regola della vittoria: occorre solo vincere per continuare il sogno. A rischio anche Bale del Galles: anche se le sue prestazioni sono state all’altezza della kermesse, e un pari contro la Russia può bastare.


  •   
  •  
  •  
  •