Euro2016, verso Italia Spagna, Morata e la BBC: “Fenomeni”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Spagna Euro 2016


Morata e la BBC. Italia Spagna è il nostro ottavo di finale già scritto, lo Stade de France ospiterà la partita più bella di questo torneo continentale, almeno sulla carta. Ancora la Spagna, e Alvaro Morata è il giocatore più letale. Lo spagnolo conosce bene la retroguardia azzurra, con cui ha giocato nella Juve: “In questi due anni ho imparato più che in tutto il resto della mia vita. Segnare in Italia è molto più difficile che altrove, in Spagna hai sette occasioni limpide per far gol, in Serie A hai pochi palloni e devi lottare su tutti per metterla dentro. L’Italia è una nazionale sempre competitiva ed è difficile farle gol”. Il Real ha esercitato il diritto di ricompra, Alvaro lascerà la Juve e i compagni: “E’ fortissimo nell’uno contro uno, come Iker Casillas Gigi è una leggenda del calcio mondiale”. Parole di stima anche per gli altri bianconeri che, insieme a Gigi, vanno a completare il reparto difensivo azzurro: “Sono tra i migliori al mondo, per il loro modo di difendere nessuno vorrebbe averli come avversari, se sono tutti e tre in campo è quasi impossibile fare gol”.

Morata e la BBC. Il commissario tecnico spagnolo, Vicente Del Bosque, dovrà quindi trovare il modo per scardinare la retroguardia azzurra, per mettere in condizione i suoi giocatori, e soprattutto Alvaro Morata, di poter far male, stando attenti alle letali ripartenze azzurre. Gli altri nomi da tenere a mente sono Iniesta, David Silva, Fabregas eccetera eccetera eccetera. Alvaro e la Spagna tutta sanno bene che non sarà semplice fare gol alla retroguardia azzurra, sanno bene quali sono le armi di questo gruppo, e sanno ancora meglio che saranno le motivazioni e la condizione mentale che farà realmente la differenza. Una Spagna che a volte pecca di superiorità, un’Italia che a volte pecca di troppa ansia e umiltà. Due squadre agli antipodi: una Roja campione in carica, un’Italia che ha tutto da dimostrare, partita dopo partita; una Spagna che cerca conferme, un’Italia che cerca riscatto, vendetta e la forza, partita dopo partita, di non lasciarsi sopraffare da nessun avversario, sulla strada giusta per ritornare grandi.

  •   
  •  
  •  
  •