ITALIA-FINLANDIA 2-0: altro sorriso azzurro. Vince anche il pubblico

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

itafin

La serata veronese è di quelle ideali per giocare a calcio. La temperatura sui 21 gradi è apprezzabile e lo scenario del Bentegodi adatto per lo spettacolo, nonostante sia “solo ” un’amichevole. Gli azzurri di Conte, dopo l’1-0 (invero non esaltante) contro la Scozia, battono la Finlandia con una rete per tempo. Chi si aspettava mezzo stadio vuoto rimane irrimediabilmente deluso: c’è il pubblico delle grandi occasioni e (e questa è una notizia) si fa fatica a muoversi davanti e dietro lo stadio, figuriamoci parcheggiare l’auto. Questo significa che l’Italia attira ancora, è amata, sostenuta, seguita. Fanno persino tenerezza i 33 finlandesi presenti nella tribuna opposta, ammirevoli per il loro amore verso questa nazionale che non è andata all’Europeo. Da metà gara in poi torna la cara vecchia ” ola ” che fa tanto Italia ’90 e risuona la famosa canzoncina dei tempi dell’ultimo Mondiale vinto, dieci anni fa. Conte rimescola le carte, schierando in porta Sirigu e lasciando in panchina Pellè. Gli azzurri macinano gioco, si vede che la squadra di Backe è assai poca cosa, nonostante l’impegno. Al 25′ Candreva penetra in area di rigore e viene steso da un giocatore conosciuto molto bene da queste parti: si tratta di Hetemaj, che milita nel Chievo Verona. Lo stadio si anima ancora di più di quanto non lo fosse prima: dal dischetto si presenta lo stesso Candreva che fa centro. La rete è una ulteriore iniezione di fiducia per gli azzurri che si gettano a capofitto in avanti alla ricerca di un altro gol che esalti il nutritissimo pubblico presente: Zaza si muove velocemente ma non solo osa pungere in avanti, ma pure insegue qualche avversario che gli sfugge. Anche Immobile si muove bene e cerca continuamente il compagno. El Shaarawy non è da meno Al 40′ Zaza penetra pericolosamente in area ma viene anticipato all’ultimo istante. Due minuti più tardi tocca a Bonucci rendersi pericoloso da fuori area, ma Hradecky controlla senza troppi problemi.
Nell’intervallo Conte non modifica la formazione ma è la Finlandia che cerca di reagire, concedendosi qualche sortita in avanti: per fortuna le sfuriate offensive vengono contenute ad hoc dagli azzurri: manca però il guizzo vincente per mettere in cassaforte la partita. Al 64′ è ancora Hradecky ad intervenire, uscendo a pugni chiusi su Zaza. Al 67′ El Shaarawy viene steso in area: si invoca il rigore ma l’arbitro fa proseguire. L’entusiasmo sugli spalti è palpabile ma manca il sigillo, che arriva tre minuti più tardi: fuga di Candreva sulla destra che serve De Rossi: il romanista ( entrato da poco in luogo di Thiago Motta) di testa non sbaglia ed infila Hradecky, vanamente proteso sulla sua sinistra. E’ un gol che di fatto chiude la contesa, anche se i finnici comunque si sono battuti: bisogna però considerare che le loro forze sono discretamente limitate. Conte opera le sostituzioni di rito, dando spazio a Florenzi, Pellè e Bernardeschi, prima del triplice fischio che sancisce la fine delle amichevoli e l’avvio ufficiale (gli azzurri partono mercoledì per la Francia) dell’operazione Euro 2016. Il pensiero finale è di tenerezza per una piccola bimba di colore con la maglia viola di Bernardeschi. L’Italia sportiva è ancora nel cuore degli italiani e chissà che non sia beneagurante.

Leggi anche:  HIGHLIGHTS VIDEO Serie A Fiorentina Milan Femminile, cronaca e risultato: 0-1, la decide Spinelli

stadio Bentegodi di Verona

ITALIA-FINLANDIA 2-0 (1-0)

ITALIA (3-5-2) : Sirigu; Barzagli, Bonucci (85′ Ogbonna), Chiellini; Candreva (76′ Bernardeschi), Parolo, Thiago Motta ( 63’’ De Rossi), Giaccherini (63′ Sturaro), El Shaarawy (69′ Florenzi); Immobile, Zaza ( 82′ Pellé). (Buffon, Marchetti, Meret, Rugani, Zappacosta, Darmian, De Sciglio, Benassi, Insigne, Eder). C.t. Conte
FINLANDIA (5-3-2): Hradecky; Arkivuo, Toivio, Arajuuri, Halsti, Uronen (63′ Raitala); Ring ( 73′ Lam), Sparv, Hetemaj; Pukki (dal 46′ Lod), Eremenko. (Maenpaa, Joronen, Ojala, Saksela, Moren, Kauko, Pohjanpalo, Vayrynen, Jalasto). C.t. Backe
Arbitro: Nijhuis (Olanda)
Marcatori: Candreva (rig.) al 26′- De Rossi al 72′
Ammoniti: nessuno
Spettatori: 27.700 circa
MASSIMILIANO GRANATO
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: