La Roma è la squadra con il maggior numero di calciatori stranieri

Pubblicato il autore: Juli Piscedda Segui

5446b99bb6fe8
La presenza dei calciatori stranieri nella rosa delle squadre italiane, è sempre stato un tema molto discusso. Questo fenomeno non risparmia nessuna squadra italiana, nemmeno la Roma che è una delle squadre con il maggior numero di calciatori stranieri.

Nella scorsa stagione è capitato, che durante alcune partite, ben 11 giocatori su 11 siano stati stranieri. Per la nuova stagione, con il probabile addio di Morgan De Sanctis, la situazione potrebbe peggiorare dato che gli italiani in rosa, almeno fino ad ora saranno solamente quattro: i tre romani, Totti, De Rossi e Florenzi, più El Shaarawy, per il quale ieri è stato ufficializzato il riscatto dal Milan.

Le nuove regole della Con Figc prevedono che le rose debbano essere formate da diciassette giocatori “liberi”, più quattro giocatori formati nel vivaio e quattro in Italia. Ma non si tratta di una vera e propria regola bensì di una possibilità.

La squadra giallorossa ha spazio per un “romano” e due “italiani”, da affiancare a Nainggolan ed El Shaarawy. Se la ricerca sul mercato non dovesse rivelarsi positiva, la Roma si fermerebbe a una rosa di diciassette più cinque, quindi ventidue giocatori, ai quali aggiungere qualche leva della Primavera. Il mercato sarà influenzato da questi paletti, ma con flessibilità.

Attualmente la rosa vanta quattro italiani e giocatori stranieri provenienti da quattordici Paesi diversi, compreso il Portogallo, se si considera il recente acquisto, proveniente dall’Empoli, Mario Rui. La rosa può contare inoltre su due argentini, due bosniaci, due francesi, due brasiliani, due greci, un egiziano, uno spagnolo, un olandese, un belga, un romeno, un polacco, un tedesco, uno slovacco. Si può dire che la globalizzazione sia di casa negli spogliatoi giallorossi. Questo fenomeno ha portato, nello scorso campionato, a una partita con ventidue stranieri in campo, è accaduto ad aprile, durante Udinese-Inter, con Pasquale, unico italiano, che è entrato a un quarto d’ora dalla fine. La Roma però la fa da padrona dato che molti stranieri militano anche nella Primavera Campione d’Italia.

Solo nella scorsa stagione, i tesserati di altri Paesi hanno raggiunto la quota di 55,6 per cento, più della metà. La media è stata superata dalla Roma. L’unica squadra che non abbraccia questo nuovo fenomeno, è il Sassuolo, che per volontà della società, ha deciso di investire sui giovani italiani. A disposizione del Mister Eusebio Di Francesco ci sono anche Mazzitelli, Politano e Pellegrini, tre prodotti del vivaio giallorosso, ceduti a titolo definitivo con una clausola che prevede un diritto di riacquisto.

In passato la Roma era solita attingere dal settore giovanile. Nel corso degli anni tanti ragazzi che sono stati promossi in prima squadra. E molti altri giocano tuttora giocano in Serie A con altre squadre: da Alessio Cerci a Cesare Bovo, due veterani nel massimo campionato.

Tuttavia, il mercato è ancora aperto e ancora non la rosa giallorossa non è definitiva. Non si può dire l’ultima parola finché non arriva il fischio finale. Anche se una cosa è certa, gli italiani resteranno comunque pochi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: