Montella: “Il Milan deve avere l’ambizione di tornare grande”

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Montella-770x470

Prime parole per Vincenzo Montella da allenatore del Milan. L’ex tecnico della Sampdoria è pronto per questa nuova avventura.

Prime parole da rossonero per Vincenzo Montella che, intercettato dai microfoni di Premium Sport si è espresso in merito a questa nuova quanto inaspettata avventura, senza lasciare nulla al caso e ricordando che sin da bambino ha amato i colori sociali del Milan mentre da calciatore ha sempre cullato il sogno di poter indossare la maglia rossonera.
Ora che entrato in questa nuova famiglia calcistica, se pur da allenatore, ha parlato a tutto tondo dichiarando:  “Noi allenatori viviamo di cambiamenti e quando c’è un cambiamento c’è sempre una forte emozione. Io sono molto emozionato: da piccolo sognavo di giocare nel Milan, ma il dottor Galliani non mi ha mai preso. Lo ha fatto adesso, ma da allenatore: ho qualche capello bianco in più, riuscirò sicuramente a gestirla meglio”.

Con un viso completamente rilassato ed evidentemente felice per questa nuova avventura, Vincenzo Montella ha anche parlato di un grande ex del Milan e del calcio Mondiale: “Van Basten è sempre stato il mio idolo, ora spero di poterlo conoscere. In settimana cominceremo a lavorare seriamente: il Milan deve avere l’ambizione di tornare grande a livello europeo oltre che al livello italiano. Lavoro da fare ce n’è, la sfida è ardua, ma so bene cosa devo fare, quindi sono pienamente consapevole”.
Ovviamente non poteva mancare una domanda sulla Juventus, squadra ancora favorita per la vittoria del titolo della prossima stagione. “La differenza molto spesso la fanno i calciatori, quindi è importante far crescere le loro prestazioni: attraverso questo processo si possono ottenere i risultati”.

Insomma, bisogna attendere solo qualche giorno per vedere il nuovo tecnico del Milan all’opera che, finalmente, potrà iniziare questa nuova avventura anche sul campo con la speranza dei tifosi che questo possa davvero essere l’anno buono per la rinascita.

  •   
  •  
  •  
  •