Perinetti: “L’Italia può mettere in difficoltà la Spagna”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

Venezia-Fans, Zuschauer, Publikum, Venezia Stadion

Poche ore al fischio d’inizio tra Italia Spagna, gara degli ottavi di finale degli Europei. Perinetti a Tuttomercatoweb.com ha parlato della sfida tra le due nazionali:

La squadra che mette in campo Conte, per temperamento e disposizione tattica può dare fastidio alla Spagna. Saremo competitivi. Abbiamo vinto due partite, qualcuno temeva che l’Italia uscisse addirittura dal girone. Invece incontriamo la Spagna con delle credenziali, merito dei ragazzi e di Conte che ha presentato una squadra credibile. Metteremo in difficoltà la Spagna. Italia Spagna però è l’unica finale che si gioca agli ottavi. Questa formula premia più le terze rispetto a chi fa meglio nel girone, va rivista perché la meritocrazia è sempre da premiare”

 Perinetti, attuale ds del Venezia neo promosso in Lega Pro, ha espresso ottime parole nei confronti di Antonio Conte anche se lascerà la nazionale per andare come noto al Chelsea:

Il ct della nazionale è un allenatore preparatissimo, ha qualcosa in più. Lo sta dimostrando. Nell’ambito delle scelte ridotte che il campionato gli consente di fare ha fatto vedere ancora una volta di essere il valore aggiunto”.

Perinetti si è poi concentrato sul Venezia che ha affidato la panchina a Pippo Inzaghi, al rientro dopo l’opaca esperienza al Milan vissuta prima dell’arrivo di Mihajlovic:

La città della Laguna fa il tifo per l’Italia, compreso il Presidente Tacopina che è un grande tifoso azzurro. E ci prepariamo al campionato di Lega Pro per cercare di arrivare prima o poi in serie B: non so quanto ci metteremo, ma vediamo di affrontare le difficoltà”.

Un Venezia che sogna in grande, il club vuole tornare nel calcio che conta e tanti i nomi accostati al club veneto. Giocatori peraltro di categoria superiore come Lanzafame e Bentivoglio, ma Perinetti non si è sbilanciato a riguardo:

Abbiamo fatto già tante cose, altre le annunceremo dopo il primo luglio. Vogliamo fare le cose bene e creare un pizzico di patrimonio con i nostri giovani. Stanno dando la loro disponibilità giocatori importanti, continuo a ricevere telefonate e questo vuol dire avere riacquistato credibilità a livello societario”.

L’attuale dirigente del Venezia ha poi parlato del calciomercato in Italia. Juventus subita protagonista con l’innesto di Dani Alves, Inter con Ansaldi e Milan con Lapadula:

Il ribaltone societario delle milanesi e gli Europei rallentano un po’ il mercato. Dopo i quarti entreremo nel vivo. La Juve intanto contnua a rinforzarsi, pronta a proporsi come il nuovo Bayern o il nuovo Barça. Le altre sono lontane dalla Juve, che in campionato può dominare per molto tempo”.

Perinetti infine ha parlato del Bari (sua ex squadra) che da pochi giorni ha cambiato presidente. Da Paparesta a Giancaspro, il cambio della guardia potrebbe portare a nuovi investimenti anche se per adesso si viaggia a piccoli passi:

Da tifoso del Bari ho fatto il mio personale in bocca al lupo a Giancaspro, sperando che la società trovi solidità e continuità così da tornare a competere dove l’ho lasciata io: in serie A. Spero che Giancaspro sia bravo e fortunato nelle scelte rispetto ai suoi predecessori”.  

 

 

 

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,