Pogba: croce e delizia dei francesi

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa Segui

Olanda Francia Live

Paul Pogba, l’astro oramai non più tanto nascente del calcio francese e talento prezioso della Juventus che ne stima il valore di mercato in oltre cento milioni di euro, non sembra avere molto gradimento tra i tifosi francesi a causa del suo comportamento spocchioso in campo e fuori quando indossa la maglia della nazionale.

Il suo continuo cambio di taglio di capelli – a ogni partita ne sfodera uno nuovo e sempre più eccentrico del precedente unitamente ai suoi gesti – voluti o non voluti – alla fine di ogni partita connotano un personaggio quanto meno controverso.

Se da un lato, quindi, rimangono intatte tutte le sue qualità tecniche ed agonistiche che sono di livello eccelso unitamente alla giovane età e ad alle illimitate prospettive di crescita, questo aspetto caratteriale ne offusca l’immagine di campione.

I francesi lo aspettano al varco e sono disposti a perdonare il gestaccio ai giornalisti beccato da tutte le TV a fine partita.

Ovviamente pretendono da lui rispetto perché in Nazionale non ha ancora raggiunto gli onori di grandi campioni del passato come Platini e Zidane e non è mai stato decisivo come i suoi illustri predecessori.

Sicuramente, però Pogba – con l’abile mano del re dei procuratori Mino Raiola – vende la propria immagine in termini di marketing molto meglio degli altri calciatori francesi come testimonia l’Adidas, suo sponsor personale e che è disposta ad investire sul solo talento juventino – 4 milioni l’anno – quasi quanto faccia la sua concorrente Nike che sponsorizza la nazionale transalpina.

L’Adidas, ovviamente, intravede in Pogba il potenziale per diventare il nuovo idolo del calcio francese: la Juventus, invece, dal canto suo si trova in mano la classica gallina dalle uova d’oro e con il ricavato dalla probabile vendita del francese conta di ripetere la stessa operazione fatta con Zidane in passato con la cui cessione gettò le basi della Juventus vincente negli anni pre-calciopoli.

La speranza è che Pogba diventi più maturo come uomo e vada a limare gli aspetti che ora lo fanno sembrare più simile a un fenomeno da baraccone che a un fenomeno calcistico e che esploda sul campo di calcio tutte le sue infinite qualità che gli consentano di insidiare il trono dei più forti calciatori del mondo.

 

  •   
  •  
  •  
  •