Serie A, Cragno rinnova con il Cagliari

Pubblicato il autore: Nicola Digiugno Segui
Il sito ufficiale del Cagliari annuncia il rinnovo con Cragno

Il sito ufficiale del Cagliari annuncia il rinnovo con Cragno

Il Cagliari annuncia il rinnovo contrattuale di Alessio Cragno. E’ quanto si legge sul sito ufficiale internet del Cagliari. “Il portiere, classe 1994, ha firmato un contratto che lo lega alla società rossoblù sino al 2020. Rapidità e forza esplosiva tra le sue migliori doti, qualità che gli hanno permesso di entrare stabilmente nel giro delle nazionali giovanili: dall’Under 17 sino alla maglia dell’U21. Arrivato in Sardegna nell’estate del 2014, Cragno ha collezionato con il Cagliari 14 presenze in Serie A. Nella stagione appena conclusasi ha continuato il suo percorso di crescita come secondo di Marco Storari, giocando comunque titolare in Coppa Italia contro Sassuolo e Inter. A gennaio il club ha scelto di cederlo in prestito alla Virtus Lanciano: sei mesi per giocare con continuità e dimostrare ancora di più tutto il suo valore. Missione compiuta anche per il nostro Alessio che – nonostante la stagione difficile degli abruzzesi – ha brillato nelle sue 20 presenze da titolare. Da qui il rinnovo con la società rossoblù: il Cagliari e Cragno insieme sino al 2020”.

Leggi anche:  È morto Diego Armando Maradona

Dallo stesso sito cagliaritano si apprende: “Tanta voglia di Serie A. Si è conclusa ieri la prima fase della campagna abbonamenti rossoblù: 2.577 abbonati della passata stagione, ben oltre la metà dei 4.545 totali, hanno scelto di rinnovare la propria tessera: 787 tifosi hanno confermato il loro posto in Curva Sud, 704 in Nord. Tanti i rinnovi anche in Distinti (674), in Tribuna sono stati 412. Il numero di prelazioni per la prossima stagione supera di gran lunga quello fatto registrare nei due anni precedenti: nella passata stagione furono 1.045, nel 2013-2014 ci si fermò a 1.205. Intanto nella giornata di oggi, con l’inizio della vendita degli abbonamenti aperta a tutti, le biglietterie di Piazza Unione Sarda e Largo Carlo Felice hanno visto formarsi sin dalle prime ore della mattina lunghe file di tifosi in attesa di poter sottoscrivere il proprio abbonamento: alle ore 16 208 le tessere acquistate, per un totale di 2.785

Leggi anche:  Infortunio Belotti, il Torino pronto a recuperare il Gallo: salterà la Coppa Italia, ma ci sarà con la Sampdoria

Nei giorni scorsi, inoltre, il Cagliari ha annunciato attraverso il proprio sito internet che “Paolo Vallone è il nuovo responsabile ufficio stampa del Cagliari Calcio. Nato a Cagliari, 33 anni, Vallone ha seguito nella stagione appena conclusasi la comunicazione e il marketing del Settore giovanile rossoblù. Giornalista pubblicista, ha iniziato la sua carriera come collaboratore delle testate regionali “Il Giornale di Sardegna” e “ L’Unione Sarda”. Conseguito un master in Marketing, Communication & Digital Strategy presso la Business School del Sole 24 Ore è stato per tre anni consulente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana a Roma. Poi l’approdo al Cagliari: prima all’interno del progetto Football Academy, poi come responsabile della comunicazione e del marketing delle squadre giovanili. Ora l’inizio di una nuova avventura a capo dell’ufficio stampa del Club: Vallone prende il posto ricoperto in questi anni da Alessandro Steri, che dalla prossima stagione sarà impiegato a tempo pieno nel ruolo di team manager, prezioso raccordo tra società e squadra”.

Leggi anche:  Bologna, Mihajlovic: "Così non andiamo da nessuna parte"

Infine, sempre dallo stesso sito rossoblù è stata diffusa la notizia che “Marco Cossu entra nello staff tecnico della prima squadra. Allenatore professionista, cagliaritano, classe ’66, mister Cossu faceva già parte della famiglia rossoblù, avendo guidato quest’anno i ragazzi dell’Under 17 A-B. Nelle due passate stagioni ha collaborato con la prima squadra occupandosi di tattica e match analysis. Ora Cossu metterà la sua esperienza e professionalità al servizio di Massimo Rastelli: in qualità di collaboratore tecnico sarà chiamato ad analizzare le gare e a svolgere un lavoro specifico con i giocatori”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: