Serie A, l’Atalanta ringrazia mister Reja

Pubblicato il autore: Nicola Digiugno Segui
Edy Reja

Edy Reja

Il ringraziamento del presidente Percassi e di tutta l’Atalanta a Edy Reja. E’ quanto si legge sul sito internet ufficiale della società bergamasca: “Un anno e mezzo vissuto insieme, un’esperienza vera ed importante che ci ha permesso di conoscere ed apprezzare innanzitutto l’uomo e di conseguenza il grande professionista. Insieme abbiamo sofferto e gioito, emozionandoci sempre, e questo è il bello del gioco del calcio. Un gioco che l’Atalanta ha vinto, perché le due salvezze conquistate sotto la sua conduzione tecnica non possono che essere vittorie. Le strade ora si dividono. A Edy Reja sono doverosi i ringraziamenti per quanto fatto alla guida della Prima Squadra, un lavoro, il suo, svolto sempre con grande impegno e professionalità”.
Edy Reja, nato a Lucinico, frazione di Gorizia, nel 1945, ha esordito da calciatore bella Spal negli anni Sessanta. Ha giocato anche nel Palermo, nell’Alessandria e nel Benevento. Da tecnico ha guidato Molinella, Monselice, Pordenone, Pro Gorizia, Treviso, Mestre, Varese, Pescara, Cosenza, Verona, Bologna, Lecce, Brescia, Torino, Vicenza, Genoa, Catania, Cagliari, Napoli, Spalato, Lazio e, dal 2015, l’Atalanta. Da calciatore ha vinto un campionato Primavera con la Spal nel 1965 e un campionato di Serie C con l’Alessandria nel 1974. Da allenatore, due campionati di Serie B con Brescia e Vicenza nel 1997 e nel 2000, un campionato di Serie C1 con il Napoli nel 2006.

Dallo stesso sito atalantino si apprende che è stato rinnovato per un’altra stagione il contratto al centrocampista Cristian Raimondi. La dichiarazione del giocatore sul sito atalantino: “Sono contento, era quello che desideravo. Non vedo l’ora di vivere un altro campionato in nerazzurro, con la speranza che sia un’altra stagione positiva e soprattutto ricca di soddisfazioni per chi ama l’Atalanta”.

Sulla panchina dell’Atalanta potrebbe andare Gian Piero Gasperini. Si parla anche di un probabile arrivo di un difensore dal Genoa, l’italofrancese Sebastien De Maio, classe 1987, fra i giocatori più importanti della squadra rossoblù nella passata stagione. Il tecnico di Grugliasco, vanta un passato intenso da calciatore, con Juventus, Reggiana, Palermo, Cavese, Pistoiese, Pescara, Salernitana e Vis Pesaro. Da allenatore è stato nel settore giovanile della Juventus, poi con Crotone, Genoa, Inter, Palermo e, dal 2013, nuovamente sulla panchina del Genoa.

Nel suo curriculum anche diverse esperienze da commentatore televisivo. Nell’estate 2010, durante il Mondiale sudafricano, è stato opinionista a Johannesburg, iun studio, per “Mondiale Rai Sprint” e “Mondiale Rai”. Nel 2011, per la partita di Champions League tra Milan e Barcellona, ha curato il commento tecnico affiancando Gianni Cerqueti. Nel 2012, opinionista nella trasmissione Rai condotta da Franco Lauro dedicata agli Europei.

Il Genoa sembra vicinissimo, invece, a Juric, che nella stagione appena andata in archivio ha condotto il Crotone in Serie A. Juric, che da calciatore ha vestito le casacche di Spalato, Siviglia, Albacete, Sibenij, Crotone e Genoa, ha giocato anche con la Nazionale croata. Da tecnico è stato vice nella Primavera genoana nel 2010, poi assistente tecnico nell’Inter nello stesso anno, vice nel Palermo dal 2012 al 2013, di nuovo nella Primavera del Genoa nel 2013. Successivamente ha allenato il Mantova e il Crotone. Con le squadre italiane ha totalizzato 242 presenze, 69 in Serie, 124 in B e 49 in C.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: