Euro 2016, Portogallo – Polonia. Le parole dei vincitori

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

portogalloDopo la vittoria ai calci di rigore contro la Polonia è grandissima la gioia della Nazionale portoghese che affronterà in semifinale la vincente della sfida tra Belgio e Galles. Queste le dichiarazioni rilasciate al termine del match dai protagonisti.

Le parole di Fernando Santos, commissario tecnico del Portogallo.

“Andiamo avanti e ci avviciniamo al nostro obiettivo. Vogliamo portare grande gioia ai tifosi portoghesi. I rigori sono una lotteria ma devi comunque avere tanto carattere. La Polonia aveva vinto ai rigori nel turno pretendente e sapevo che erano bravi dal dischetto, ma ho detto ai miei di restare calmi perché avrebbero segnato e così è stato. La Polonia ha iniziato bene ma avevo una strategia con William Carvalho, Renato Sanches e Adrien Silva a chiudere sui loro giocatori. Però abbiamo permesso loro di prendere il controllo e non siamo stati bravi a fermare Milik, quindi ho parlato a Renato Sanches chiedendogli di cambiare la partita e chiesto a Nani di giocare in posizione più arretrata. Per fortuna il gol è arrivato proprio grazie a Renato. La Polonia è una buona squadra che sa come addormentare gli avversari. Ma poi abbiamo cambiato marcia e creato diverse occasioni. Anche loro le hanno avute. Ma penso che abbiamo battuto meritatamente un’ottima squadra. Di solito non parlo molto dei singoli, ma Pepe stasera è stato fantastico. Renato Sanchez ha giocato bene, ma credo che il giocatore che vedete oggi non è quello che vedrete in futuro. Sta ancora crescendo e imparando a sfruttare tutte le sue qualità. Mi ricorda il grande giocatore portoghese Coluna”

Renato Sanches, votato come  Man of the Match dall’Uefa.

E’ stato un momento di grande festa per noi, adesso dobbiamo recuperare per la semifinale, mantenendo questa determinazione e organizzazione. Ora siamo più vicini al nostro obiettivo e rimaniamo concentrati. Ho fatto quello che mi ha chiesto il mister, chiaramente sono molto contento per quello che mi sta accadendo ma devo rimanere concentrato su questa competizione. C’è bisogno di tanto lavoro per essere fortunati. A volte la fortuna te la guadagni solo grazie al lavoro. Abbiamo subito un gol in apertura ma ci abbiamo creduto fino alla fine, abbiamo dato tutto. L’azione del gol è uscita bene ma credo che tutta la squadra stia giocando bene. Abbiamo fiducia e cercheremo di continuare così. E’ un grande momento per la squadra, e per me con questo gol. La gente ci critica, ma a noi non importa perché siamo in semifinale. Le critiche ci rendono solo più forti. Ai rigori il Ct ci ha chiesto chi voleva tirare. Cristiano è stato il primo e io ho detto che volevo essere il secondo. Avevo fiducia di poter segnare. Sono rimasto calmo pensado solo a metterla dentro.

Ricardo Quaresma, centrocampista Portogallo.
C’era una pressione enorme. Avevo un’intera nazione nelle mie mani. Sono rimasto ottimista, sapevo che avrei segnato. E non c’era troppo tempo per pensare. Siamo sul binario giusto e continueremo così.

 

IL TABELLINO

POLONIA-PORTOGALLO 4-6 dcr (1-1)

Polonia (4-4-2): Fabianski 6; Piszczek 6, Glik 7, Pazdan 7, Jedrzejczyk 6; Blaszczykowski 6, Krychowiak 6,5, Maczynski 6 (8′ pts Jodlowiec 6), Grosicki 6,5 (36′ st Kapustka 5,5); Milik 5,5, Lewandowski 7. A disp.: Szczesny, Boruc, Cionek, Wawrzyniak, Salamon, Linetty, Peszko, Zielinski, Starzynski, Stepinski. Ct.: Nawalka 6,5

Portogallo (4-1-3-2): Rui Patricio 6,5; Cedric 6, Fonte 6,5, Pepe 7, Eliseu 5,5; Adrien Silva 5,5 (28′ st Joao Moutinho 6), William Carvalho 6,5 (6′ pts Danilo 6), Sanches 7, Joao Mario 6 (35′ st Quaresma 6,5); Nani 6, Cristiano Ronaldo 5. A disp.: Lopes, Eduardo, Bruno Alves, Carvalho, Guerreiro, Vierinha, Andre Gomes, Rafa Silva, Eder. Ct.: Santos 6

Arbitro: Brych

Marcatori: 2′ Lewandowski (Pol), 33′ Sanches (Por)

Ammoniti: Jedrzejczyk, Glik, Kapustka (Pol); Adrien Silva, William Carvalho (Por)
Espulsi: nessuno

  •   
  •  
  •  
  •