Gascoigne, la sorella attacca: “Il Sun paga l’alcool a Gazza”

Pubblicato il autore: giammarco bellotti Segui

Non c’è pace per Gascoigne. Nelle ultime ore torna a parlare la sorella dell’ex fuoriclasse inglese, e lo fa lanciando accuse pesantissime. Ve la ricordate l’immagine di qualche mese fa che ritraeva Gazza seminudo con una bottiglia in mano? Ecco, secondo Lindsay Gascoigne sarebbe tutta una messa in scena del quotidiano “The Sun”. 

La sorella di Gascoigne poi continua: “Dietro la dipendenza di mio fratello c’è il quotidiano inglese. La loro è una vera persecuzione: comprano le bottiglie di alcool e le lasciano davanti alla porta di casa sua per poi fotografarlo mentre la raccoglie“. Tutto ha avuto inizio con un’immagine pubblicata quest’estate dal Sun che ritraeva Paul Gascoigne – molto debole e debilitato – mentre fumava una sigaretta, fotografia che faceva presupporre un fallimento del percorso di disintossicazione intrapreso da Gazza in Arizona. Secondo l’articolo pubblicato a corredo della fotografia incriminata, l’ex attaccante inglese era tornato a casa quel giorno e già aveva acquistato una bottiglia di gin.

Leggi anche:  Juventus, Szczesny: "Ecco perché non ho festeggiato la Supercoppa"

Lo sfogo della protettiva Lindsay è avvenuto tramite il proprio profilo Facebook: “Non molta gente ne è al corrente, ma i giornalisti del Sun non solo si divertono e scherzano sui problemi della mia famiglia, ma addirittura comprano bottiglie di alcol e le mettono fuori dalla porta di casa di mio fratello per fotografarlo e creare qualcosa che possa vendere” ha scritto la sorella di ‘Gazza’.

gascoigne-nudo-ubriacoIn effetti, nella foto pubblicata dal “The Sun” qualche settimana fa, si vede l’inglese è stato immortalato davanti la porta d’ingresso della propria abitazione. Pare che alcuni conoscenti lo avrebbero aiutato a coprirsi e a rientrare in casa. Inoltre, era trapelata la preoccupazione dei parenti e degli amici dell’ex, tra le altre, della Lazio. Nell’immagine non traspariva certo una bella cera e le condizioni di Gascoigne apparivano quanto meno preoccupanti.  Inoltre, appena qualche giorno prima del famoso scatto, Gazza era finito in ospedale per una ferita alla testa causata da una caduta: i maligni dicono dopo l’ennesima sbornia.

Leggi anche:  Serie A femminile, questo fine settimana si disputa la dodicesima giornata

Nonostante diversi cicli di cure all’interno di strutture specializzate, l’ex asso della nazionale inglese ci ricasca puntualmente. Lo scorso mese di marzo fu nuovamente pizzicato per strada con una bottiglia in mano del suo super alcoolico preferito: il gin. E qui rientra in gioco il già citato social network Facebook, infatti,  Paul dichiarò che si era trattato solo di un errore di percorso: “Sono stato davvero bravo per 11 mesi, ho avuto uno scivolone e sono stato incalzato per questo. Ma sono tornato sulla giusta strada”.

Dichiarazioni che cozzerebbero con le accuse della sorella al tabloid inglese, perché in queste parole c’è un’ammissione di colpa. Nello stato psico fisico di Gascoigne però, immaginiamo non ci sia molta lucidità di pensiero. Potrebbe essere quindi una difesa presa come prima reazione dopo l’ennesimo scandalo che lo vede protagonista. E qui ritornerebbe in gioco la veridicità dell’accusa della sorella al quotidiano britannico. Non ci è dato sapere, al momento, quale sia la verità. Certo è che davanti ad episodi e bordate del genere non possiamo che rimanere inerti di fronte a uno dei simboli dello sport più amato al mondo: il calcio.

  •   
  •  
  •  
  •