Juventus, ecco Mehdi Benatia: “Spero di vincere la Champions”

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
Fonte: Screenshot da Juventus TV

Fonte: Screenshot da Juventus TV

La Juventus presenta un altro nuovo acquisto per la stagione 2016/2017: si tratta del difensore franco-marocchino Mehdi Benatia, arrivato a Torino dal Bayern Monaco con la formula del prestito con diritto di riscatto a favore della società bianconera. Nella conferenza stampa, l’ex calciatore della Roma si è detto contento di iniziare questa nuova parentiesi della sua carriera: “Al Bayern ho passato due anni difficili, volevo tornare in Italia. Non ho paura della concorrenza, altrimenti sarei tornato all’Udinese. Maglia? Ho scelto la 4 di Montero, l’obiettivo vincere in Italia e soprattutto in Europa. Ringrazio tutti per l’accoglienza così calorosa, dai compagni ai tifosi ed anche la società, che mi ha voluto fortemente – ha esordito, in un perfetto italiano, Mehdi Benatia – l’obiettivo è continuare a vincere in Italia e soprattutto essere competitivi in Europa, puntiamo a vincere la Champions League”.

Mehdi Benatia: “Al Bayern due anni difficili”

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, Mehdi Benatia racconta perchè ha voluto lasciare il Bayern Monaco, squadra che lo acquistò nell’estate 2014 per una cifra attorno ai 35 milioni di euro: “Il Bayern è una grande società, ma io ho passato due anni un po’ difficili, con qualche infortunio di troppo. Volevo tornare in Italia per me, per la mia famiglia e per il campionato, ho chiesto di essere ceduto già l’anno scorso, poi quando c’è stata questa possibilità l’ho presa al volo”. L’ex Udinese incontrò la sua attuale squadra da avversario negli ottavi dell’ultima Champions League, terminati con il passaggio del turno dei bavaresi dopo due ottime partite disputate dai bianconeri:  “E’ stato un peccato giocare una partita così bella in quella occasione, perchè sono convinto che entrambe le squadre meritassero la finale, ma nel calcio vince solo il più forte. Il Bayern non meritava di vincere, ma ci siamo riusciti contro una grande squadra come la Juve, ci hanno messo in difficoltà. Per la Champions non manca tanto, la Juve è allo stesso livello di Barcellona ed altri top club”.

Mehdi Benatia: “Contento di giocare con la ‘BBC'”

Per conquistarsi un posto da titolare, Mehdi Benatia sa che dovrà faticare parecchio avendo davanti a sè la difesa della Nazionale, composta da Barzagli, Bonucci e Chiellini (la cosiddetta “BBC”): “Tutti i grandi club hanno bravi difensori, ma se avessi voluto evitare la concorrenza sarei potuto tornare all’Udinese. Sono contento di avere dei mostri come compagni e anche Rugani, che secondo me è il futuro di questa squadra e della Nazionale Italiana. Io sono a disposizione di Allegri e non penso a rubare il posto a nessuno. Il mio compito è quello di lavorare e farmi trovare pronto”.

Mehdi Benatia: “Contento di ritrovare Pjanic”

Alla Juventus, il marocchino ritroverà anche Miralem Pjanic, compagno di squadra ai tempi della Roma e suo grande amico: “Quando ero pronto a venire qui, mi ha detto ‘Finalmente sei arrivato!’ – confida Mehdi Benatia – Miralem è un grande amico per me, eravamo sempre insieme a Roma, ritrovarlo è una grande fortuna. La Juve ha fatto un grande acquisto prendendolo, sarà importantissimo per questa squadra”.

Mehdi Benatia: “Solidarietà alle vittime di Nizza”

Al termine della conferenza, il neo difensore bianconero ha voluto esprimere la sua idea sui tragici avvenimenti di Nizza: “Stiamo attraversando un periodo molto triste, non solo in Francia ma anche in altri Paesi che soffrono per questi atti orribili. Non bisogna avere paura, perchè altrimenti non c’è più vita. Dobbiamo continuare a vivere normalmente, aiutandoci quando è possibile e stare attenti nei momenti sovraffollati; serve più sicurezza, ma lottare contro il terrorismo mi sembra molto difficile. Può essere una persona normale, non lo ha scritto sulla testa che è terrorista, diventa difficile perchè non sai mai quello che ti può accadere. Mi dispiace perchè in Francia ho tanti amici e vedere queste cose fa male al cuore”.

Leggi anche:  Ziliani ricorda: "La profezia di Sacchi su Calciopoli il 5 maggio 2002 nella trasmissione Controcampo" (VIDEO)
  •   
  •  
  •  
  •