Libertadores: San Paolo e Boca, ultima chiamata

Pubblicato il autore: Mario Grasso Segui

2358F3C700000578-2843863-La_Bombonera_was_a_stunning_sight_as_the_fans_set_off_firecracke-13_1416567768245
Tutto in due notti, due rimonte da compiere, una possibile l’altra che sa di miracolo. Il San Paolo e il Boca Juniors, favoritissime per la finale, rischiano seriamente di finire fuori dalla sfida che assegnerà la Copa Libertadores 2016. Già, perché sia il club brasiliano che quello argentino sono chiamati a realizzare due rimonte contro i piccoli Atletico Nacional e Independiente del Valle.

Toccherà prima al San Paolo, che nella notte tra mercoledì e giovedì sarà ospite dei colombiani nella bolgia dell’Atanasio Girardot di Medellin. I biancoverdi sono vicini allo storico traguardo della terza finale in questo torneo dopo ben 21 anni dall’ultima volta, persa contro il Gremio, e dopo ben 27 dall’unico successo contro l’Olimpia nel 1989. Si ripartirà dal 2-0 dell’andata in favore dei padroni di casa, che obbligherà i paulisti a ripetere quantomeno lo stesso risultato almeno per portare la gara ai rigori.

Il giorno (tra giovedì e venerdì) dopo sarà la volta dell’attesissimo incontro della Bombonera di Buenos Aires. Il Boca Juniors, favorita numero uno dall’inizio della competizione, deve ribaltare la sconfitta per 2-1 subita a Quito pochi giorni fa contro il piccolo Independiente del Valle. Gli ecuadoriani meno di dieci anni fa erano nella terza serie, piano piano sono risaliti e ora eccoli lì a giocarsi l’accesso alla finale del più importante trofeo del Sudamerica. E lo faranno partendo con un, seppur minimo, vantaggio.

Ultimi botti, ultime ansie. Poi le due più forti si contenderanno il trono sudamericano in 15 giorni infuocati.

  •   
  •  
  •  
  •