Carolina Marcialis, lady Cassano la vera protagonista. Ha fatto impazzire Fantantonio: per lui esiste solo lei

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

Cassano

Non toccatele Antonio, per lui è disposta al post più estremo sul social. Lo ha sempre fatto e lo sta facendo in questi giorni in cui suo marito, padre dei suoi figli Christian e Lionel ( in onore di Messi) , è sotto pressione e fuori rosa da quella Sampdoria da cui lui non vuole andare via anche se dovesse essere “l’ottava punta”. Carolina Marcialis, genovese, è una ”tosta”:quando ha lasciato la pallanuoto, ha conosciuto Cassano a 17 anni, era una promessa in vasca e in odore di Setterosa. Che sappia usare il social lo ha dimostrato in più di un’occasione, sempre in difesa del marito che la ricambia di pari amore con lodi sperticate in ogni occasione. In questi giorni hanno fatto girare a mille la ruota del web i suoi post su Facebook e i suoi tweet arrivati puntuali, ed enigmatici, dopo ogni esternazione del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, che ha escluso Cassano dallo spogliatoio doriano mettendolo fuori rosa e fuori dal campionato.

Lei, Carolina, non l’aveva fatta passare liscia neppure a Walter Zenga, dopo essersi litigata anche con Bobo Vieri sul ruolo delle mogli nel mondo del calcio. Quando era allenatore della Samp, e aveva dato il suo ostracismo al ritorno di Fantantonio in blucechiato, Zenga era andato a dire nella trasmissione Tiki Taka di Pierluigi Pardo “Io ho allenato Pardo…” rifrerendosi ai chili di troppo di Cassano. La signora Cassano Marcialis lo aveva fulminato con un tweet rimasto celebre “Meglio che ti dipingi la barba che a battute stai messo male” aveva scritto all’ Uomo Ragno: in una polemica precedente aveva dato del vecchio a Bobo Vieri.

cassanoE quest’estate Carolina si era spesa in prima persona per far ritrovare al marito la forma perduta non senza far mancare un quasi quotidiano reportage dei progressi su tutti i social. Anche in questo caso la fantasia dei tifosi si era scatenata e, ad uno di loro che ipotizzava che Cassano avesse nascosto la pancia dentro i pantaloncini , aveva risposto pronta che, dentro la mutanda non c’era più posto per altro rispetto a quello che madre natura aveva donato.

In un’intervista alla Gazzetta dello Sport , Antonio Cassano aveva dichiarato a proposito della moglie “Sono stato malato di sesso ma Carolina è stata anche la mia dottoressa, perchè mi ha fatto guarire. Prima stavo più o meno con tutte: da 1 a 10, il voto alla prestazione se volevo era 10 abbondante. La cosa durava due o tre ore”. Con lei, è cambiato tutto>>. E poi, sempre alla “rosea”, aveva raccontato dei loro primi incontri “Che fosse quella giusta – aveva raccontato alla Gazzettal’hocapito quando mi ha fatto aspettare un mese e mezzo prima di darmi un bacio a stampo. Forse non mi aveva ancora baciato e già avevo capito che con lei avrei fatto dei figli”.

Tra le tante “cassanate” fatte, la cosa più giusta della sua vita, per Cassano è stata sicuramente quella di aver sposato Carolina che lo ripaga di uguale amore incondizionato prendendo posizioni che, in queste ore, stanno indispettendo almeno una parte della tifoseria blucerchiata.

Ma Carolina Marcialis, è anche una sportiva e proprio quest’estate il suo fisico, estremamente tonico, ha fatto impazzire il web complici alcuni scatti molto accattivanti. Uno di questi ha avuto come autore lo stesso Cassano che ha ritratto su Instagram la giovane moglie nel giardino di casa, intenta in una posizione yoga molto impegnativa. Posizione che ne metteva in evidenza il fisico perfetto frutto di un duro lavoro atletico.

L’altra immagine è stata quella di una Carolina Marcialis in vacanza per nulla intimorita dalle acque gelide di un fiume montano, pronta ad immergersi con un bikini molto ridotto tra rocce e acqua spumeggiante. Una performance che Cassano aveva gradito molto immortalare e commentare poi, con un lapidario, ma mooto sentito:“Senza fisico”. Ma su quel fisico anche ua testa pensante e, in queste ore, non c’è Cassano che tenga: Carolina è la protagonista.

  •   
  •  
  •  
  •