Carolina posta la maglietta di Cassano: delirio

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui
Antonio Cassano
Carolina Marcialis, moglie di Antonio Cassano, torna ancora una volta a ruggire in difesa del marito. Lo fa con la stessa grinta che mostrava in vasca quando, da pallanuotista in odore di Settebello rosa, giostrava in vasca con il suo Nervi che poi abbandonò per amore di Fantantonio, sposato il 19 giugno del 2010 alla chiesa di San Martino,  nella splendida cornice di Portofino.
Non si è ancora spenta l’eco del suo tweet dove fa sapere che il marito, messo fuori rosa dalla Sampdoria, continua ad allenarsi al campo Mugnaini di Bogliasco ospitato nello spogliatoio dei magazzinieri, che già un altro suo post ha fatto infiammare la tifoseria doriana.
Sul suo profilo Faceboo, infatti, alle 21.47 di ieri, ha postato uan fotografia che ritrae Cassano in compagnia di un amico ristoratore, molto noto nel Levante genovese, e titolare di  uno storico ritrovo di calciatori blucerchiati fin dai tempi della Sampd’oro di Vialli e Mancini.
Fin qui nulla di strano, se non fosse che, nella foto, Fantantonio indossa una t-shirt, sulla quale è riportata una frase che si offre a molteplici letture in questo periodo di grande frizione tra il giocatore barese e la sua società dalla quale è separato in casa. “Verrà il giorno in cui gli alberi capiranno che è sbagliato dare ossigeno proprio a tutti” è il motto lapidario che campeggia sulla maglietta bianca di Cassano, indumento che evidenzia anche l’ottimo stato di forma fisica di Fantantonio. Lo stesso motto che Carolina Marcialis, con un post delle 23.41, probabilmente tornati a casa i coniugi Cassano e salutati i figli Christoper e Lionel , in onore di Messi, ha voluto ribadire a chiare lettere qualora il messaggio non fosse giunto a destinazione.
Del resto la giornata era stata pesante, sicuramente non favorita dalle dichiarazioni, come al solito estemporanee del presidente Massimo Ferrero che, nel corso di un’intervista mandata in onda dall’emittente Primocanale, aveva ribadito che  “Oggi ho detto che Cassano si dia una mano, e non che ci dia una mano. Voglio molto bene a Cassano, l’ho portato alla Sampdoria con tutte le mie forze ma ora ha fatto il suo tempo. Volevo dire due cose: per primo, che non c’entra nulla Romei. Per secondo, vorrei dire a Cassano che, anziché continuare a fare il braccio di ferro con me, perché non va a giocare ad altre squadre che lo vogliono? Sta dicendo che si cambia nei magazzini ma non è vero.Avevamo un accordo, che veniva qui per un anno. Giocava poco e si lamentava. Ci ho parlato, sono stato chiaro. Mi aveva detto che se arrivavano determinate persone se ne sarebbe andato, lui qui ha fatto la sua storia. Che andasse ad insegnare calcio altrove, anziché continuare a fare il braccio di ferro con la Sampdoria“.
Certo non è scritto da nessuna parte che la frase in questione possa essere riferita alla querelle in atto, ma molti tifosi blucerchiati hanno visualizzato, condiviso e commentato il post come accade in questi casi. Il fatto è che molti di loro hanno condiviso e commentato e, già all’alba, i classici “I Like” d’ordinanza avevano superato il migliaio insieme agli inviti rivolti al “99” di “non mollare”.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Bisceglie Bari streaming e diretta Tv Serie C