I ricordi in casa Samp e la nuova famiglia al Villarreal

Pubblicato il autore: patrizia gallina Segui

Di chi parliamo? Di un calciatore che è stato come un tesoro prezioso per la Sampdoria: “Roberto Soriano”.  Classe’ 91, nato a  Darmstadt, una città della meravigliosa Germania. E’ stato uno dei giocatori più bravi nella Samp. Cresciuto nella squadra del Bayer Monaco. Ma dopotutto seppur la crescita in questa squadra sentiva il sangue italiano avendo origini italiane da genitori della città di Avellino.
Genitori? La sua famiglia è stata per lungo tempo una squadra dai colori come vengono definiti a Genova “blucerchiati”, in una squadra che ha offerto molto ma quale?  In casa Samp. Dal 2009 ad ora è stata la sua casa, era entrato molto giovane in questa squadra che ancora non aveva trovato la sua strada. In Germania è stato per lungo tempo, e trovarsi in una squadra italiana per un ragazzo così giovane è il sogno di molti giovani.

Leggi anche:  Lele Adani a Napoli, in ricordo di Diego Maradona

Lui è un esempio per tanti ragazzi che coltivano anche essi i sogni e i raggiungimenti dei loro obbiettivi.
Il suo passato e tutt’ora è stato una vita di sacrifici ma è questo il termine giusto per ottenere buoni risultati.
Lui è stato il capitano della Sampdoria, e adesso ha lasciato casa, per dove?
Questo giovane dalla voglia di fare , è il nuovo acquisto nella storia del calcio mercato della Spagna: “il Villarel”.

Un buon affare per il presidente Fernando Roig, che in una dichiarazione ha confermato di aver un ottimo giocatore in squadra.
E Roberto Soriano, un venticinquenne molto stimato dai tifosi e che ha lasciato un pò di malinconia nella Samp.
Da ricordare per molti appassionati di calcio che la sua maglia nella squadra della Samp è stata la 21 e adesso a chi spetterà questa maglia?
Sette stagioni con colpi di scena. Entrato nella Samp a soli 18 anni e da li è partita la sua vita, la sua crescita e adesso questo giovane è in una squadra molto importante in Spagna.
A riconoscere  nella Samp di  avere un bagaglio dal talento eccezionale fu Antonio Cassano, fu il primo ad avere l’occhio e inquadrarlo bene. Lui era già ragazzino ma aveva delle doti che molti non hanno.
Soriano impara subito a stare tra gli adulti, il piccolo della squadra ma grande nei gol.  Nella sua prima stagione da professionista colleziona 27 presenze e 2 reti.
Nella stagione 2012/2013 si specializza progressivamente nella posizione di mezzala sinistra: fu un anno importante per la sua crescita.
Un capitano che adesso dalla squadra in Samp si ritrova in Spagna nella Villarreal.
Un futuro che sarà per Soriano esclusivamente nel campionato spagnolo, dove si pratica alcune delle sue caratteristiche.Ma che per molti fedelissimi lo definiscono un campione, chi un campione mancato, chi ancora un calciatore normale.

Leggi anche:  Sassuolo-Inter, la risposta dei nerazzurri: 3-0 al Mapei Stadium

Nelle ultime partite nella Samp,  l’ultimo suo gol risale al 5 marzo contro l’Hellas Verona ed è anche l’ultima partita in cui ha realmente lasciato il segno per i fedelissimi.

Ma tutto sarà nel vedere cosa ci saprà dimostrare con il suo “talento eccezionale” come dice un Cassano dai tempi del 2009. Un avventura del tutto nuova e di sorprese.

 

Immagine_opt (57)

  •   
  •  
  •  
  •