Nazionale De Rossi El Shaarawy – Ventura si al primo, no al secondo

Pubblicato il autore: Marco Picenni Segui

Nazionale De Rossi El Shaarawy – un pò di amarezza per entrambi in giallorossi.
Il prossimo Giovedì 1 settembre il nuovo Commissario Tecnico della nazionale italiana di calcio Giampiero Ventura guiderà per la prima volta la selezione nell’incontro amichevole contro i “cugini” francesi nello stadio “San Nicola” di Bari.
Il tecnico è alle prese con la nuova squadra che vuole plasmare secondo le proprie idee, staccandola così dalla forma datale dal suo predecessore Antonio Conte.
Il tempo stringe però dal momento che già il prossimo 5 settembre gli azzurri saranno impegnati nella prima delle gare di qualificazione per la Coppa del Mondo di Russia 2018 ad Haifa contro Israele.
Anche per Ventura il modulo ideale sarebbe il 3-5-2- già adottato da Conte durante la sua permanenza sulla panchina della Nazionale. Tuttavia lo schema è l’unica eredità che il nuovo C.T. vuole conservare dalla precedente gestione.
Dunque una notizia poco confortante per quei giocatori, come El Shaarawy, che dall’utilizzo di quel modulo sanno certamente di non trovare spazio.
Proprio il giocatore della Roma infatti, tra lo stupore di molti, nonostante le buone prestazioni della scorsa stagione e la capacità di farsi trovare pronto all’occorrenza durante l’Europeo che si è concluso pochi mesi fa, non è stato convocato per questa sessione.
A tal proposito è proprio il commissario tecnico a fornito chiare delucidazioni durante la conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio. “Fino a quando il modulo sarà questo, il 3-5-2, per gli esterni offensivi sarà difficile trovare spazio, vedi El Shaarawy e Berardi.” – Lo stesso Ventura continua affermando – “Mi è stato proposto di fare degli stage, io preferirei fare degli incontri con i giocatori che restano fuori a causa di questo modulo, in modo da portare avanti altre idee di gioco per costruire piano piano lo zoccolo duro della Nazionale del futuro”.
Le possibilità di tornare a vestire la maglia azzurra per El Shaarawy dunque non sono completamente naufragate, ma ciò avverrà solo dopo che il tecnico avrà messo appunto e collaudato l’ossatura della squadra con la sua idea di gioco per poi procedere con gli innesti “secondari”.
“Ci sono giocatori di prospettiva” – continua Ventura, alludendo chiaramente agli esclusi d’eccezione come Berardi e lo stesso El Shaarawy“ma forse ancora alcuni ragazzi non sono pronti per vestire la maglia azzurra. Vorrei fare questi raduni proprio per questo, per farli sentire a casa. Tutte le società che ho incontrato sono entusiaste di questa idea”.
L’ex allenatore del Torino trova poi anche il tempo di tornare a parlare del caso De Rossi
Il capitano Romanista insieme al compagno di squadra Alessandro Florenzi sono gli unici due giallorossi convocati.
I due centrocampisti sono protagonisti, loro malgrado, di un piccolo caso che ha avuto un forte risalto nella Capitale.
Infatti nell’ultimo match di campionato contro il Cagliari finito 2 a 2, Luciano Spalletti, per motivi disciplinari, dopo la partita di Champions con il Porto, ha ritenuto di togliere la fascia di capitano dal braccio del numero 16 giallorosso e darla proprio a Florenzi.
Ventura, ha volontariamente toccato solo di sfuggita l’argomento per non alimentare ulteriori polemiche “Con De Rossi non abbiamo parlato di quanto successo con il Porto, era nel gruppo di chi ha fatto scarico” – si è limitato a dire il C.T. – “Io comunque devo pensare a domani e non a ieri”

  •   
  •  
  •  
  •