Slidind doors in casa Inter

Pubblicato il autore: Giovanni Romagnoli Segui

handanovic

Non solo la classica girandola estiva delle punte, a breve se ne potrebbe verificare una anche nel vertice opposto con fulcro Milano, sponda nerazzurra. Seguendo i dettami del nuovo progetto Suning, il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio starebbe cercando di ringiovanire la rosa, strizzando l’occhio a giocatori italiani di talento e prospettiva, e Mattia Perin del Genoa risponderebbe perfettamente a tali requisiti.

Il giovane portiere rossoblu viene da un infortunio importante (rottura del legamento crociato anteriore con interessamento meniscale esterno del ginocchio destro) ma dopo mesi di duro lavoro ha imboccato la strada dalla completa guarigione e l’Inter avrebbe già intavolato una trattativa con il presidente dei grifoni Enrico Preziosi per portarlo alla corte di Mancini. L’indiscrezione, uscita sulla Gazzetta dello Sport, parla di un’intesa trovata intorno ad una cifra di 10 milioni di euro.

Il classe ‘82 di Latina difficilmente però accetterebbe un declassamento a ruolo di secondo portiere, ma in quest’ottica l’Inter potrebbe avere l’asso nella manica, anzi, oltremanica. L’attuale numero 1 nerazzurro Samir Handanovic, fresco di rinnovo di contratto che era in scadenza lo scorso giugno, con ritocco a rialzo, passato dai precedenti 2 agli attuali 2,5 milioni, sarebbe infatti finito nel mirino del Manchester City. Ipotesi, quella di un suo passaggio in Inghilterra, che potrebbe far felici tutte le parte interessate. Non ultimo lo stesso Handanovic che non ha mai nascosto di voler disputare la Champions. Il portiere sloveno sarebbe inoltre un arrivo ben gradito da Pep Guardiola che non sembrerebbe poi così entusiasta di Joe Hart. Insomma, un’operazione potenzialmente gradita a tutti, che ancora è ai suoi primi passi, ma che potrebbe concretizzarsi.

Un matrimonio quello tra l’Inter e Handanovic, che ha visto punti elevati quando il portierone ex Udinese ha anche parato 6 rigori consecutivi (cinque in campionato e uno in Europa League) a cavallo delle stagioni 2013-14 e 2014-15, ma che più volte è sembrato sul punto di dover terminare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: