Chi è veramente Joe Hart?

Pubblicato il autore: anty91 Segui

Chi è veramente Joe Hart downloadE un portiere inglese nato Shrewsbury il 19 aprile del 1987  i primi passi anzi parate furono compiute proprio tra i pali della sua città , nel 2006 l esordio con la maglia del Manchester City , allora il giovane Joe era il terzo portiere dietro pure a Isakson quindi fu dato in prestito prima al Tranmere e infine al Blackpool. Nel 2009 Sven Goran Erikson lo richiama del prestitoe gli affida la maglia da titolare scavalcando nelle gerachie Isakson. In questo periodo Hart sfondera delle prestazioni sensazionali che lo rendo uno dei migliori prospetti della nazioni , per molti è il futuro Gordon Beng e (la fine di un incubo vedendo i suo recenti predecessori). Il Machester City vende Isakson che mal digeriva il ruola da secondo dietro un ragazzino, così il City sfrutta l occassione e si assicura Shane Given storico portiere Irlandese . Con l arrivo di Given (che dovrebbe fungere anche da chioccia ) Hart diventa di nuovo il secondo portiere dopo due anni da titolare. Il Birmingham City lo prende in prestito dove compie grandi prestazioni. Nel 2010 con l arrivo del nostro Mancini il City richiama il suo portiere che per volere di Roberto torna a essere il numero uno tra pali dei citinzens. Rimane titolare del City e della nazionale  fino al arrivo di Pep Guardiola che lo relega a ruolo di terzo(in comodo) dietro Caballero e Bravo. Il Manchester lo mette sul mercato ed è qui che i dirigenti del Toro compiono  un capolavoro predendo in prestito il portiere della nazionale inglese pagando solo il 40% dello stipendio senza obbliogo di riscatto! Ecco cerchiamo di capire insieme Chi è veramente Joe Hart ?!  Big Joe ha secondo me un grande talento doti fisiche e tecniche eccelenti , ma il suo grande è la lettura della partita, ha la tendenza ad appisolarsi durante match dominati dalla sua squadra e quindi a non essere ingrado di intervenire i quei pochi casi, ovvero Joe è un portiere che deve essere messo continuamente sotto pressione , in questi casi che rende al massimo. Forse la squadra ideale per lui è il Torino cioè una grande piazza ricchia di storia e tradizione con una tifoseria molto calda che però non domina le sue partiete come faceva il Grande Torino. Onestamente non so quanto durera questo avventura italiana per Joe Hart , però sono sicuro che entrambe le parti ne troveranno giovamento da questo trasferimento. Il suddito di sua Maestà non è sicuramente Gordon Beng  (miglior portiere inglese di sempre) ma nemmeno un Robert Green (la rovina di Fabio Capello ai mondiali sudafricani) è un ottimo portiere con esperienza internazionale abbituato a giocare match importanti . Hart entrerà certamente nei cuori dei granata e si spera anche della storia del Torino e che sia solo il primo passa verso il ritorno di un grande toro o almeno di uno accettabile che possa tornare in Europa anche se dalla porta posteriore. Non ci resta altro che vedere quel che sarà ,sapendo che in ogni caso il cuore dei tifosi dei granata sarà con Joe

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: