De Laurentiis ed il suo stadio da 20.000 posti

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

calciomercato napoli
Il Napoli ieri ha vinto, grazie all’ennesima doppietta di Arkadiusz Milik, per tutti Arek. Nessuno credeva che potesse segnare anche col suo piede preferito, il sinistro. Invece ha cancellato tutte le cattive opinioni dei suoi detrattori, e a Napoli sappiamo ce ne sono tanti. Intanto, il presidente De Laurentiis, durante un’intervista, ha detto che non andrà piu’ al San Paolo, perché dalla sua tribuna, non vede bene le partite. Chissà. Ed ha promesso, di costruire un impianto da 20.000 posti, una specie di arena, o teatro, per soli soci. Uno stadio da “provinciale”, insomma. Ora, con l’affetto di Napoli, una capienza tale, soddisferà i tifosi azzurri? Sappiamo che purtroppo in questi mesi, i rapporti si sono fortemente incrinati. Non si accettano i prezzi alti, e sembra che il presidente si scelga anche chi deve andare allo stadio. Pensare ad uno stadio a Napoli da 20.000, col tifo che c’è, è incredibile. La terza città d’Italia, con un’ipotetica capienza simile, non è confortante. Il San Paolo dai 90.000 degli anni ’80, passa pian piano a 70.000, per poi arrivare alla riduzione a poco più di 55.000, per la costruzione di quel terzo anello, che non registrava gli standard Uefa richiesti. A Napoli si aspettano ancora, i tanto attesi lavori di ristrutturazione del San Paolo, con i 25 milioni stanziati dal Comune.

Leggi anche:  Waterloo per il Barça. Perde a Cadice e dice addio alla Liga a dicembre
  •   
  •  
  •  
  •