Europa League, le big alla riscossa: oggi tocca a Man Utd., Villarreal, Zenit e Shakhtar

Pubblicato il autore: luca giannuzzi Segui

UEL_Portrait_Logo_FC_PANTONE_OnBlk
Il giovedì di Europa League vede scendere in campo anche nobili decadute del calcio europeo, tra cui Manchester Utd., Villarreal, Zenit e Shakhtar, tutte con lo scopo di arrivare in fondo alla competizione.

Da Mourinho a Pato, da Lucescu a Facundo Ferreyra, sono quattro le big che questa sera ascolteranno l’inno dell’Europa League, competizione che anno dopo anno, scala le classifiche di gradimento di tifosi e addetti ai lavori. Nonostante la Champions League abbia un fascino particolare, anche l’Europa League sta attirando le attenzioni di un vasto numero di spettatori, a maggior ragione quando, tra i vari top player, Ibrahimovic o Witsel regalano colpi di classe.
Dunque adesso tocca a loro, con Shakhtar e Villarreal già in campo alle 19: i russi sfideranno in casa il Braga, avversario non troppo complicato, mentre Villarreal dovrà vedersela a Bucarest contro lo Steaua, una squadra non al top della forma, ma che di certo può creare più di un grattacapo. Proprio il “Sottomarino giallo” degli italiani Sansone e Soriano e dell’ex rossonero Pato, sono accreditati tra i possibili vincitori del torneo, avendo un organico di alto valore, nonostante la prima uscita contro lo Zurigo non abbia mostrato il vero potenziale degli spagnoli.

Alle 21 invece tocca a Manchester United e Zenit San Pietroburgo infiammare la serata, quasi come nel primo turno, dove i Red Devils hanno perso a sorpresa in casa del Feyenoord, mentre i russi hanno vinto una partita a dir poco incredibile per 4-3 contro il Maccabi Tel Aviv. Perciò già da stasera sia gli inglesi che i ragazzi di Lucescu sono chiamati al riscatto, sul piano del gioco e dei risultati: il Manchester United si troverà di fronte la matricola Zorya, reduce da un pari col Fenerbache, contro la quale Ibra e compagni dovrebbero aver vita più che facile, mentre lo Zenit ospiterà gli olandesi dell’Az Alkmaar per confermarsi ulteriormente, e magari proponendo trame di gioco degne di una squadra già vincitrice della competizione, in particolare in fase difensiva.

Di certo l’Europa League è un torneo dall’esito tutt’altro che scontato, come dimostrato già dalle prime sfide, scoppiettanti e ricche di gol, e che le cosiddette “big” vincano o perdano , lo spettacolo il giovedì sera è assicurato.

  •   
  •  
  •  
  •