Inter – Juventus, la conferenza stampa di Frank De Boer: “Rispetto, ma non temiamo la Juventus”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

calciomercato interRispetto ma nessuna paura della Juventus. E’ questo il De Boer pensiero alla vigilia del derby d’Italia tra Inter e Juventus. L’allenatore della formazione nerazzurra è apparso apparentemente sereno dopo la brutta sconfitta di giovedì in Europa League che ha fatto storcere il naso ai tifosi dell’Inter ed ha messo già in discussione la posizione dello stesso tecnico olandese. De Boer probabilmente è consapevole di quanto la solidità della sua panchina passi proprio dalla sfida contro i campioni d’Italia ma durante la conferenza stampa della vigilia l’ex tecnico dell’Ajax ha mostrato serenità e fiducia in vista della sfida contro la Juventus. De Boer ha elogiato il processo di crescita che la squadra sta lentamente realizzando sottolineando, però, la necessità di tempo per raggiungere gli obiettivi che tecnico e società si sono prefissati.

Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei

I passaggi principali della conferenza stampa dell’allenatore dell’Inter Frank De Boer

” La partita contro la Juventus è una grande occasione per noi. Giocare contro la Juve è un pò più speciale rispetto a tutte le altre partite – ha dichiarato il tecnico olandese – . Loro sono una grande squadra ma noi non siamo spaventati anche se abbiamo molto rispetto della Juventus.  Abbiamo fiducia nelle nostre possibilità e grazie al sostegno dei nostri tifosi confidiamo di raggiungere un risultato positivo. Lavoreremo duro come squadra, con il supporto dei tifosi, per cercare un buon risultato. Loro sono una squadra solida e difficile da battere, ma si può fare, come l’Inter ha fatto in Coppa Italia nella passata stagione. C’è fiducia. I nostri tifosi devono credere nella squadra supportandola e spingendola oltre i propri limiti. E’ proprio nei momenti difficili che i tifosi stanno accanto alla squadra. La pressione è ovviamente alta ma questo non è un problema per me perchè stiamo lavorando moltissimo per raggiungere quello che insieme alla società ci siamo prefissati. Per raggiungere questo obiettivo però non bastano quattro settimane ma ci vuole del tempo. Ogni settimana facciamo meglio e lavoriamo ogni giorno per miglioraci. Quando sei l’allenatore dell’Inter, avrai sempre questo tipo di pressione, soprattutto se non arrivano i risultati ma non si può cambiare tutto in un mese”.

Leggi anche:  Dybala si tuffa e cerca il rigore in Benevento-Juventus? La dura reazione di Ziliani su Twitter
  •   
  •  
  •  
  •