Israele – Italia 1 – 3. Le dichiarazioni del Commissario Tecnico Giampiero Ventura

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

VC6KV0F43416-k7SH-U1090489141240Q8G-1024x576@LaStampa.itTanta sofferenza ma alla fine l’Italia parte bene nel suo cammino di qualificazione ai Mondiali del 2018 in Russia. Ad Haifa contro Israele la Nazionale azzurra ha sofferto più del previsto ( nonostante il doppio vantaggio iniziale) ed ha rischiato di compromettere la buona prestazione del primo tempo con l’espulsione di Chiellini nella ripresa. Il risultato finale di tre a uno per gli azzurri, in rete con Pellè, Candreva ed Immobile, è un buon viatico per il proseguo dell’avventura azzurra. Il nuovo corso di Giampiero Ventura inizia, quindi, soffrendo ma anche con diverse note positive che sono state sottolineate dal Commissario Tecnico azzurro al termine della gara. Tra queste quella forse più bella riguarda la prestazione del centrocampista del Paris Saint Germain Marco Verratti. L’ ex Pescara è stato tra i migliori in campo trascinando i compagni nei minuti di difficoltà nella seconda frazione di gioco.

Leggi anche:  Borussia Dortmund-Lazio: probabili formazioni, orario, luogo e precedenti

Le dichiarazioni di Giampiero Ventura al termine di Israele – Italia

“Abbiamo avuto cinque minuti di sbandamento dopo l’espulsione di Chiellini, ma poi abbiamo reagito da squadra. Il nostro primo tempo è stato quasi perfetto. Volevamo scendere in campo da squadra, abbiamo giocato e sofferto da squadra. E credo che abbiamo vinto da squadra. Aver tenuto in campo due attaccanti dopo l’espulsione è stata una scelta consapevole e voluta. Se abbiamo l’ambizione di essere squadra su tutti i campi dobbiamo farlo sempre. Certo, dieci contro undici, in una gara di qualificazioni mondiali, è sempre difficile. Abbiamo avuto cinque minuti di sbandamento dopo l’espulsione di Chiellini, poi ci siamo ripresi: Giorgio è un giocatore che fa due errori in 5 anni, ha consumato i bonus, ora sono in una botte di ferro. L’approccio della squadra è stato comunque molto positivo, dopo i gol potevamo chiudere più volte la partita. Il primo tempo sarebbe stato non dico perfetto se non ci fosse stato l’episodio del gol che è simile a quello che è successo contro la Francia. Adesso speriamo di migliorare, soprattutto dal punto di vista fisico, in vista della prossima gara contro la Spagna. Verratti è un pilastro della squadra. Hanno risposto tutti in questa partita ma lui è un giocatore di grande spessore, è arrivato da sei giorni dopo esser stato fermo per tanto tempo. Ha dimostrato di essere una componente importante per questa squadra”.

Leggi anche:  Maradona, la calciatrice spagnola Paula Dapena non rispetta il minuto di silenzio: "Era uno stupratore"
  •   
  •  
  •  
  •