“La figlia di De Boer nella Juve della pallamano”: polemiche per il titolo della Gazzetta

Pubblicato il autore: Francesco Ippolito Segui

La figlia di De Boer nella Juve della pallamano
La sedicenne Beau De Boer, figlia dell’allenatore dell’Inter Frank De Boer, giocherà nel Cassano Magnago, squadra della Serie A femminile di pallamano. La notizia non è del tutto eclatante, ma la Gazzetta dello Sport, ha voluto costruirci sopra un articolo ad hoc, tirando inspiegabilmente in ballo la Juventus. Nell’edizione online del quotidiano infatti, appare il titolo “La figlia di De Boer nella “Juve” della pallamano“. Nell’articolo, a loro detta, viene giustificato il paragone con la Juventus: il Cassano Magnago, tra il 1985 ed il 1996 ha vinto ben 11 scudetti consecutivi, segnando un record storico nell’ambito sportivo nazionale. Tuttavia in molti non sono riusciti a spiegare tale abbinamento, visto che nel calcio italiano il record di scudetti consecutivi (cinque), è condiviso tra i già citati bianconeri, il Torino e l’Inter (che all’epoca riuscì anche nell’impresa di vincere in ambito internazionale, realizzando il triplete).

Sui social sono nate diverse centinaia di polemiche: “non ci credo che siete riusciti a scrivere una cosa del genere, “oggi vado a prendere due etti di prosciutto dalla Juve dei salumieri”. Si va anche oltre all’ironia: “ma dovete mettere la Juve in ogni singolo articolo? Adesso spiegatemi cosa c’entra la Juve con una squadra di pallamano del varesotto“.

Le polemiche sono del tutto giuste, dopotutto che senso ha mettere in mezzo la Juventus in una notizia riguardante la figlia dell’allenatore dell’Inter? Noi non ce lo spieghiamo. O forse, rifacendoci alle parole di José Mourinho, potremmo interpretare tutto ciò come “prostituzione intellettuale

  •   
  •  
  •  
  •