Matteo Bonucci sta meglio ma Leo salterà Israele

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui
leonardo-bonucci-juventus-verona-serie-a_196zr746hjb3j1dcflck8bmetqIl piccolo Matteo Bonucci sta meglio. 
La vicenda del figlio del difensore della Juventus e della Nazionale, Leonardo Bonucci, ha tenuto con il fiato sospeso l’intero modo del calcio.
Quando Massimilano Allegri disse che Bonucci non avrebbe fatto parte della rosa contro la Lazio per motivi personali, la scorsa settimana, la notizia non ebbe molto eco, o almeno non lo ebbe finché non trapelò la notizia che il figlio del difensore juventino non stava molto bene ed era stato operato d’urgenza per una patologia acuta.
“Ringraziando il cielo, pare che la situazione vada migliorando – ha detto Ventura, il nuovo CT della Nazionale a proposito di Bonucci– In questi giorni, ovviamente, non ha potuto allenarsi e mi ha detto: ‘Non voglio rischiare di non essere utile, preferisco rientrare ad ottobre ed essere determinante'”.
Per questo motivo Leonardo Bonucci non farà parte della rosa della Nazionale per la sfida contro Israele, in programma lunedì sera (primo impegno per gli azzurri per la qualificazione a Russia 2018), per restare vicino al figlio nonostante il peggio sia passato ( il bambino è stato sottoposto alcuni giorni fa ad un secondo intervento chirurgico).
Molta la solidarietà da parte delle altre squadre e tifosi di tutta Italia, anche dai tifosi napoletani, rivali per eccellenza della Juventus.
Su Facebook e sugli spalti sono apparsi numerosi striscioni e frasi di supporto al piccolo Matteo Bonucci:
È VERO, VIVIAMO DI CALCIO 24 ORE SU 24, VIVIAMO DI GOL E DI SFOTTÒ. MA QUANDO IN GIOCO NON C’È PIÙ UNA SEMPLICE PARTITA MA LA SALUTE DI UN BAMBINO, ALLORA TUTTO IL RESTO PASSA IN SECONDO PIANO.
FORZA MATTEO, FORZA BONUCCI, NAPOLI È CON VOI!”.
Nonostante rivalità fortissime e “odio” a livello sportivo, bisogna sempre rispettare il prossimo. Nonostante Leonardo Bonucci rappresenti il “nemico” nel rettangolo di gioco, come padre e uomo di famiglia non possiamo che stargli vicino… in un momento tremendo, che non gli ha permesso di scendere in campo contro la Lazio. Suo figlio Matteo sta male, e possiamo solo immaginare il dolore e l’angoscia di una famiglia stretta nel riserbo e nella privacy assoluta.  I colori non contano, gli stemmi e lo sport non esistono di fronte all’unica cosa che ci interessa davvero: vedere vostro figlio sorridere e stare bene!
Forza Matteo! ❤“.

Vicinanza al calciatore è stata espressa anche dalla pagine romaniste dove, sotto la foto della famiglia Bonucci è campeggiata la scritta: “Davanti a queste cose non esiste calcio o tifo. Buona fortuna a Bonucci e sua moglie Martina con loro figlio che non sta passando un buon momento”.

A Bari, allo stadio San Nicola, è apparso uno striscione di supporto per il calciatore (ex Bari), proprio come era successo sabato in occasione di Lazio- Juventus allo stadio Olimpico di Roma.
Tra i tanti messaggi di solidarietà apparsi sul web e tra le varie pagine dei social network, anche noi vogliamo mostrare la nostra vicinanza al piccolo Matteo Bonucci affinché riesca a superare questo momento di difficoltà e possa ritornare a sorridere felice insieme a mamma Martina e papà Leonardo e al fratellino Lorenzo.

 

  •   
  •  
  •  
  •