Nazionale, Verratti: “Rispetto alla gestione Conte, ora teniamo più la palla”

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Nazionale, Verratti come un fiume in piena in conferenza parta dal nuovo corso con il ct Ventura per finire a quello che potrebbe essere il suo futuro

verratti

Nazionale, Verratti è pronto a ripartire con Ventura

Nazionale, Verratti, dopo aver dovuto rinunciare all’Europeo in Francia per i guai fisici che lo hanno accompagnato nella seconda metà della scorsa stagione, è tornato ad avere un ruolo da protagonista anche con  Giampiero Ventura che per lui ha un piano ben preciso.

Nazionale, Verratti: “Ventura vuole mettermi a mio agio in campo”

Marco Verratti ci crede e crede nel lavoro del neo ct Ventura, come dimostrato anche dalle parole rilasciate in conferenza: “Sono contento di essere di nuovo qui, mi sento al 100% e cercherò di dare il mio contributo. Parlo spesso con Ventura circa la mia posizione in campo. Il metodista, in molti casi, viene marcato a uomo e quindi il mister vuole mettermi a mio agio come mezzala”.
Il paragone tra Conte e Ventura era impossibile fa evitare e anche in questo caso il giocatore del Paris Saint Germain è riuscito a districarsi bene affermando: “Forse adesso cerchiamo di tenere più palla per creare gli spazi per poter fare male. Siamo capitati in un girone di qualificazione difficile, ma se vogliamo puntare al massimo dobbiamo superarlo. Se facciamo quello che sappiamo, abbiamo alte possibilità di passare il turno e andare al Mondiale. Per quanto riguarda, invece, la partita con la Francia, abbiamo avuto poco tempo per prepararla, mentre i francesi hanno molta qualità e stanno sfruttando al meglio quel ricambio generazionale che li ha portati in finale all’Europeo, li abbiamo messi in difficoltà ma ci sono stati superiori grazie agli episodi”. 

Nazionale, Verratti pensa ad un ritorno in Italia

Marco Verratti manca al campionato italiano e forse anche a lui manca un pò il nostrocampionato , come confermato dalle sue parole:  “Sto benissimo a Parigi, mi sono ambientato bene e ho intenzione di rimanere lì il più a lungo possibile. Non nascondo che mi piacerebbe tornare in Italia, penso che la Serie A rimanga uno dei campionati più belli al mondo e se un giorno dovessi andare via dal Psg sarebbe una possibile opzione anche se per adesso non ci penso”.
Un ultima battuta non poteva mancare sull’amico Mario Balotelli, sbarcato anche lui in Francia:  “Non ho sentito Balotelli, ma sono felice che sia arrivato anche lui in Francia. Nizza è senza dubbio la piazza giusta per rilanciarsi”.
Sicuramente Marco Verratti potrebbe essere l’elemento in più per la nuova Nazionale allenata da Giampiero Ventura che si affiderà alle sue qualità per poter riportare quelle idee nel gioco e quell’imprevedibilità che sono mancate in certe partite spinose da risolvere, come ad esempio quelle del recente Europeo contro la Svezia e l’Irlanda.
Ora è tempo di fare sul serio con la partita di qualificazione del girone G dove l’Italia è attesa dalla sfida contro l’Israele.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juve Alex Sandro: "Quando non vinci tutti ne parlano"