Sampdoria, Ferrero pesante su Cassano: “Persona poco intelligente. Rimane fuori rosa”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
massimo-ferrero-sampdoria_18jydnlo5jwbw1osibpy3mambvL’occasione  è stata propizia. Roma, specialmente quella legata ai colori giallorossi della formazione di calcio della Capitale, non hai mai apprezzato in maniera eccessiva il talento e la sregolatezza di Antonio Cassano. E così proprio ad un’emittente tv romana il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero è tornato a parlare della vicenda Cassano, fuori rosa alla Samp,  criticando in maniera forte l’atteggiamento di FantAntonio. Il presidente della Sampdoria ha tacciato Antonio Cassano di essere una persona poco intelligente che vuole passare per la vittima sacrificale in riferimento alla vicende legate al mancato trasferimento dell’ex giocatore della Roma all’Entella. Per il presidente della Sampdoria è impensabile un suo reintegro nella rosa della prima squadra.

Le dichiarazioni di Massimo Ferrero a Rete Sport

“Non è una persona intelligente. Evidentemente ha deciso di fare la vittima sacrificale. Avrà detto: ‘Io sono Cassano, un grande calciatore, ho dato tanto al calcio, se mi metto qui in campo e mi alleno da solo qualcuno parla di me. Se invece poi gioco non ne parlano più?. Si è comportato molto male, adesso è bene che stia lì e rifletta. Io ero disposto a pagargli tutto lo stipendio, se fosse andato all’Entella. Poteva chiudere la carriera bene, magari portandoli in Serie A, ma niente. Ci ho parlato due volte, poi basta. Quando Antonio ha litigato con l’avvocato Romei sono stato io a dirgli: ‘Buttiamo la lettera di licenziamento’ e lui mi ha dato la sua parola d’onore che sarebbe andato via. E invece no. Peggio per lui, passerà un anno con il piumone e i calzettoni, si allenerà con quelli”.

Ferrero nell’intervista ha poi parlato anche di altri argomenti, con particolare riferimento al mercato della Sampdoria ed all’imminente sfida contro la Roma

” Sono dispiaciuto per Castan ,rimasto da noi meno di un mese. Ha evidentemente sbagliato treno. La Roma è una grande squadra, guidata da un ottimo d.s. come Sabatini, che io prenderei subito, anche se Osti è migliore, è l’allievo che ha superato il maestro. Mi dispiace che sia uscita dalla Champions, mi piacciono Florenzi, Totti e il grandissimo Nainggolan. Ma con un po’ di fortuna quest’anno vinciamo noi. E se succede a Spalletti gli tornano i capelli….”.

  •   
  •  
  •  
  •