Sudamericana, il San Lorenzo soffre ma batte il Deportivo La Guaira

Pubblicato il autore: Alessandro Legnazzi Segui

Al Nuevo Gasómetro il San Lorenzo supera il Deportivo La Guaira con il punteggio di 2-1. Marcature di Belluschi e Blandi per il Ciclón, Lucena accorcia le distanze per gli arancioni venezuelani. Tra una settimana il ritorno all’Estadio Olímpico de la Universidad Central de Venezuela.

San Lorenzo
PRIMO TEMPO SAN LORENZO-DEPORTIVO LA GUAIRA – Com’era logico aspettarsi è il San Lorenzo a dare le prime avvisaglie della partita. Tutto nasce sulla destra con il cross di Corujo diretto sulla testa di Blandi, neutralizza Nuñez: occhio a questo asse, in campionato sta dando tantissime soddisfazioni al club rossoblù.

All’undicesimo minuto di gioco i padroni di casa beneficiano di un calcio di punizione dai venti metri, centrale: lo batte Belluschi… rete! Ciclón in vantaggio con l’esecuzione a giro sopra la barriera dell’ex calciatore del Genoa e Bursaspor: Nuñez immobile, poteva almeno muovere un passo e provarci.

Guai dare per chiuse le partite sudamericane, il Deportivo La Guaira reagisce e al 13’ scalfisce la traversa con Gonzalez: Rojas batte l’angolo e crea confusione nell’area del San Lorenzo, il numero venti prova a risolvere ma centra il montante superiore. Dopo queste emozioni in così poco tempo, la partita s’addormenta e i ritmi vanno sui binari che vuole il San Lorenzo. Ci vuole ancora un gol, però, per essere abbastanza tranquilli in vista della gara di ritorno.

L’occasione arriva a fine primo tempo grazie a una giocata di Belluschi, un rimpallo favorisce Blandi… rete! Gol da vero attaccante d’area, 2-0 San Lorenzo: Blandi è il miglior marcatore del calcio argentino nell’anno solare, questo è il diciannovesimo gol in ventisei partite.

SECONDO TEMPO SAN LORENZO-DEPORTIVO LA GUAIRA – Sul barrio Boedo s’abbatte una tempesta di vento che complica le giocate per il San Lorenzo. Il Deportivo La Guaira guadagna una punizione dal limite al 52’: la batte Flores, Lucena stoppa stranamente la palla con la tempia, Torrico esce a farfalle… rete! Ecco il gol che riapre il match al Nuevo Gasómetro e spariglia le carte per la prossima mezz’ora di gioco.

Al 62’ fa il suo ingresso in campo Gonzalo Bergessio, vecchia conoscenza del calcio italiano: ha vestito, con alterne fortune, le maglie di Catania e Sampdoria. Otto minuti dopo Darwin Gonzalez sfiora la rete del pareggio con un tiro da fuori area accelerato dal vento favorevole: la palla accarezza l’incrocio. Può succedere ancora di tutto perché il San Lorenzo vuole il terzo gol, quello che gli permetterebbe una trasferta più tranquilla in Venezuela.

Segnatevi questo nome, Nicolas Blandi. Non è un calciatore “di primo pelo” poiché ha già ventisei anni ma una buona tecnica di base e un grande intuito e fiuto per il gol quando si muove dentro l’area di rigore. Forse il treno per il grande calcio europeo è passato ma potrebbe far comodo a una squadra media.

Al Deportivo La Guaira va bene anche il 2-1 perché sa che può ribaltare tutto in casa. All’87’ Corujo scocca un altro cross per Bergessio, bella esecuzione ma El Lavandina arriva tardi all’appuntamento. Non è ancora al massimo della condizione. L’ultima occasione capita sui piedi di Arrieta, gran tiro dalla distanza che accarezza il palo destro e si spegne sul fondo. Il San Lorenzo vince 2-1 l’andata degli ottavi di Copa Sudamericana.

  •   
  •  
  •  
  •