Figc, Tavecchio vuole una nuova Serie A. Strada difficile da percorrere?

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Figc, Tavecchio vuole cambiare la Serie A per far tornare il campionato nostrano nuovamente competitivo. Di certo, però, una nuova riforma non è semplice da attuare

tavecchio

Figc, Tavecchio vuole ridisegnare la Serie A

Che Tavecchio,da qualche stagione a questa parte, avesse l’intenzione di cambiare la riforma della Serie A non è una novità come non sono una novità le difficoltà incontrante a proposta avvenuta. Ora, però, il Presidente della FIGC non vuole perdere altro tempo e sembrerebbe disposto ad accelerare i tempi per riportare in breve tempo il nostro calcio nuovamente ai vertici in Europa e nel Mondo.

FIGC, Tavecchio propone la nuova riforma. Sarà accolta?

L’idea di Carlo Tavecchio è molto semplice oltre che conosciuta perché detta e ridetta in più occasioni, infatti il Presidente federale vorrebbe riportare la Serie A a 18 squadre per far sì che il nostro calcio possa tornare ad essere competitivo in tutte le competizioni internazionali.
Lo stesso Tavecchio ha, infatti, ribadito un concetto chiave importante secondo il quale non si possono avere 102 squadre professionistiche e che riducendole sicuramente si guadagnerebbe in numero di tifosi.

Le big di Serie A e le pay tv sono con Tavecchio

Carlo Tavecchio, come giusto che sia, non è solo in questa “lotta” perché a premere per un ritorno della Serie A a 18 squadre sono proprio le big oltre che le pay tv mentre, per contro ci sono le medio piccole che non vorrebbero rinunciare a due posti nella massima serie almeno che non vengano rivisitate le ripartizioni dei diritti televisivi.
In pratica, la situazione non è molto semplice da risolvere anche se va detto che alla fine a decidere sarà il Consiglio Federale composto da 19 membri tra Lega Dilettanti, Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro più 4 atleti e 2 tecnici che saranno chiamati a prendere una decisione definitiva sulla nuova riforma calcistica.

  •   
  •  
  •  
  •