Effetto Ventura. Il neo ct tradito dall’emozione e… dalla difesa?

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Effetto Ventura, 0-1 al debutto per  Conte: per l’attuale  tecnico del Chelsea che al debutto sulla panchina della nazionale ha vinto contro l’Olanda, lanciando segnali incoraggianti sin da subito

Conte e Ventura

Ventura vs Conte, il neo ct ha già i primi grattacapi

Effetto Ventura. Il passaggio dal vecchio al nuovo corso, almeno per ora, non ha fruttato gli effetti sperati con la nazionale del neo ct Ventura che ha steccato in malo modo alla prima contro la Francia.

Italia 2.0, Ventura vs Conte, i primi segnali sono poco incoraggianti

Crocifiggere dopo soli 90 minuti il neo ct Giampiero Ventura sarebbe una cosa folle, tuttavia i primi paragoni con il debutto di Antonio Conte sono inevitabili perché anche l’attuale tecnico del Chelsea alla prima uscita del suo corso ha giocato al San Nicola di Bari, contro una nazionale d’alto rango come l’Olanda e,come se non bastasse, adottando lo stesso modulo, il 3-5-2.
Tuttavia, come ben noto, il risultato è stato completamente diverso sia nello score finale sia nel gioco intravisto; il segnale poco incoraggiante lanciato nel match di giovedì sera è legato alla troppo leggerezza di alcuni giocatori, apparsi ancora in ritardo di condizione su tutti Chiellini, considerato uno dei pilastri della gestione Conte e che, invece contro la Francia è stato sempre poco tempestivo negli interventi e, a volte, distratto.
Come se non bastasse, comunquem, anche il resto della nazionale  è stata praticamente lenta e macchinosa, a dimostrazione anche che i carichi di lavoro di inizio stagione si fanno ancora sentire, come logico che sia di questi tempi.

Leggi anche:  A testa alta Diego, sempre! Lettera aperta a Maradona

Effetto Ventura. Crocifiggere il neo ct sarebbe sbagliato

Sicuramente la nazionale di giovedì sera è stata la brutta copia di quella vista sotto la gestione Conte specie se paragonata a quella vista all’ultimo europeo dove l’Italia è riuscita a conquistare tutti anche i più scettici; però criticare già da ora il lavoro di Ventura sarebbe una grave sbaglio per due motivi, il primo è che siamo appena all’alba di questo percorso e poi il secondo motivo, da non sottovalutare, è che nonostante parte del gruppo fosse lo stesso del vecchio corso c’è bisogno di un pò più di tempo per conoscere le metodiche del nuovo ct, perché oggettivamente soli tre giorni di lavoro prima di una partita sono pochi.
Forse in molti hanno dimenticato che Antonio Conte anche se debuttante con la nazionale, conosceva bene parte del gruppo in quanto allenatore della Juventus.

Leggi anche:  Serie A, Atalanta in un momento difficile: tre gare solo 2 punti

Nazionale in vista delle qualificazioni ai prossimi Mondiali

Sicuramente Giampiero Ventura ha pagato anche l’emozione del debutto perché nonostante fosse un tecnico esperto, sedere sulla panchina della nazionale fa sempre un certo effetto e, magari, si commettono errori di valutazione che in altre occasioni non ci sarebbero mai stati.
Ora il pensiero è rivolto alla sfida di lunedì contro l’Israele in un match valido per le qualificazioni ai prossimi Mondiali di calcio e c’è bisogno di rimettersi subito in riga perché ci sono i 3 punti in palio e partire con una vittoria, anche se l’avversario non è di alto rango, sarebbe sicuramente salutare.
Attenzione, però, il rovescio della medaglia è dietro l’angolo perché non vincere lunedì significherebbe essere travolti dal ciclone delle critiche.

  •   
  •  
  •  
  •