Atalanta Inter, furia Eder

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

New Inter Milan's coach Gian Piero Gasperini (L) is presented to the media on July 5, 2011 at the team's training center in Appiano Gentile near Milan. AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE (Photo credit should read GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)
Non si ferma più la squadra di Gasperini: Atalanta Inter finisce 2 a 1, rete decisiva di Pinilla nel finale su calcio di rigore. Ottavo posto in classifica, 13 punti, il lavoro dell’ex mister del Genoa finalmente sta dando i suoi frutti. Atalanta Inter, vittoria doppia per gli orobici visto che in classifica Icardi e compagni sono stati superati. Atalanta Inter, Gasperini intervistato da Sky Sport ha fatto la sua analisi sulla partita:

“Abbiamo giocato un’ottima gara, sono soddisfatto. Siamo andati meglio nel primo tempo, soprattutto sul piano tecnico, laddove l’Inter avrebbe dovuto essere più forte. Siamo stati lucidi”

Il tecnico ha poi parlato della sua espulsione che lo ha fatto infuriare:

“L’espulsione? Il secondo tempo è cominciato in modo diverso, ci hanno dato contro qualche punizione dubbia e da una di queste è nato il gol. Ho protestato e mi ha cacciato”

La sua Atalanta è la squadra del momento grazie ad una rimonta strepitosa in classifica. Fino ad oltre un mese fa Gasperini sembrava a rischio, invece il mister piemontese ha saputo reagire alle critiche e dare la carica giusta alla squadra per affrontare le partite con più concretezza:

“Le prime partite sono andate storte, tipo contro Lazio e Samp, poi il processo di crescita ci ha portato a fare meglio. Adesso siamo una squadra che a tratti gioca anche un buon calcio e raccoglie i frutti. Il rammarico è quello di non aver fatto il secondo gol nel primo tempo, poi l’episodio a inizio ripresa ci ha innervosito e stavamo rischiando di non vincere. In altre partite avevamo conquistato buoni risultati, ma eravamo stati meno bravi sul piano tecnico. C’era solo tanta buona volontà, ma le partite le portavamo in porto con difficoltà. Ora giochiamo con tranquillità, sicurezza e precisione. Sicuramente è un buon segnale di crescita, una garanzia per il prosieguo”

Momento nero dell’Inter, ancora sconfitto e al centro di un possibile nuovo cambio in panchina. E’ lontana ormai la splendida vittoria ottenuta contro la Juventus alcune settimane fa. Il buio è calato improvvisamente sui nero azzurri, ex squadra di Gasperini. L’allenatore dell’Atalanta ha però espresso buone parole nei confronti di Handanovic e compagni:

“L’Inter? Nel primo tempo c’è stata molta supremazia nostra e sicuramente ci sono demeriti da parte loro. Solo sporadicamente erano riusciti a creare qualcosa. Questo non toglie niente alla nostra prestazione, poi c’è stato più equilibrio nel secondo tempo. L’Inter è una squadra fortissima, ha tanti giocatori in grado di farti male, come Eder”.

Proprio Eder, autore del momentaneo pareggio dell’Inter su calcio di punizione, ha fatto il punto del brutto momento in casa nero azzurra:

“C’è poco da fare, parlare meno e dare di più tutti quanti, io per primo. Certe cose vanno migliorate, certo è cambiato l’allenatore una settimana prima di iniziare il campionato quindi sapevamo che ci sarebbero state delle difficoltà. Questa, però, non può essere più una scusa perché è passato comunque tanto tempo”

L’ex attaccante della Sampdoria ha analizzato così la sconfitta:

Oggi abbiamo regalato il primo tempo e venire qui non è mai facile. Vai sotto e la gara diventa complicata. Nella ripresa abbiamo avuto anche le occasioni per vincere, invece è arrivata questa beffa”.

 

  •   
  •  
  •  
  •