Buffon rimprovera la sua squadra: dobbiamo fare di più!

Pubblicato il autore: Daniela Segui

Buffon-Italia-Bulgaria-Mundial-Brasil_ALDIMA20130908_0004_3Il capitano della Juventus Gianluigi Buffon, nonchè capitano della squadra italiana questa volta alza la voce: secondo le sue dichiarazioni, non è necessario tanto vincere, ma migliorarsi per potere arrivare nel migliore dei modi alla Champion League. Soddisfatto delle ultime recenti vittorie, Buffon ha parlato di un gioco troppo molle per i suoi ex compagni, di certe partite che comunque sono state perse, di una grinta che è venuta a mancare e che bisogna assolutamente ritrovare. La Juve è in testa alle classifiche italiane, Buffon parla comunque per una squadra che per ora ha lo scettro di campione, come lo aveva lo scorso anno e per altri anni addietro. Obiettivo della Juventus quindi, non soltanto vincere: certo la cosa resta fondamentale, ma occorre essere grintosi, spigliati e forti se si vuole arrivare a obiettivi ancora più alti. Desiderio dunque è di portare la vittoria in Italia e nella Champions League e per farlo occorre un allenamento maggiore e soprattutto spirito di competizione. Ricordiamo che proprio di recente a Torino, la formazione italiana più forte per ora, ha vinto contro il Napoli dopo una partita estenuante in cui la squadra avversaria, a detta dei tifosi, ha dato davvero il meglio di se. Gli avversari ce l’hanno messa tutta, ma nonostante il “rimprovero” di Gianluigi il capitano, comunque la sua formazione è riuscita a portare a casa il risultato desiderato. Tutto questo, ribadiamo, in “barba” alla jettatura dei napoletani che, fatto risaputo, hanno lanciato ogni maleficio contro gli avversari e soprattutto contro El Pipita Gonzalo Higuain. Il campione prima del Napoli e ora con la maglia bianconera, ha abbracciato Sarri e non ha esultato dopo avere segnato quel tiro giusto in porta che ha portato i suoi compagni alla vincita finale. Con quel goal la Juventus ha mantenuto stretto il risultato, si è difesa magistralmente nonostante gli attacchi del Napoli, si è tenuta caro quell’uno a zero che alla fine l’ha portata in alto. Forse che Buffon avrebbe preferito un altro goal, giusto per stare più m”tranquilli”, un gioco più “tosto” di conseguenza una migliore garanzia? Difficile esprimersi su questo punto, saranno i giocatori suoi amici e compagni di squadra a analizzare da loro stessi la situazione e cercare di fare sempre meglio. Ricordiamoci allo scopo che, pur essendo i primi, i campioni Juventini non sempre hanno portato a casa il punteggio voluto. In certe partite il match è cominciato in un certo senso “stanco”, i calciatori mancavano di potenza e non si è riusciti a mantenere alta la competizione dall’inizio alla fine. Ma si è trattato di casi per così dire “fortuiti” comunque la Juve, come anni addietro è  in testa alle classifiche italiane… Non basta solo il risultato finale, sicuramente, per vincere anche in Europa ed è questo il rimprovero che ha mosso il capitano davanti al pubblico tutto italiano. Buffon si è guadagnato la stima e la fiducia di tutti i tifosi del suo paese: primo a indossare la maglia a azzurra nei mondiali e Europei, nonostante l’età per così dire “avanzata” resta sempre un fuoriclasse, si distingue per la sua bravura e agilità, tanto da essere considerato ancora il migliore portiere in Italia.

  •   
  •  
  •  
  •