Vittoria clamorosa per l’Atalanta per 2 a 1 contro l’Inter

Pubblicato il autore: patrizia gallina Segui

Autogol-Murillo-Atalanta-Inter
Allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo, l’Atalanta supera l’Inter per 2 a 0.

Nel complesso, vittoria meritata per l’Atalanta e per Gasperini altra vendetta, l’Inter va sempre più giù e la classifica si fa adesso preoccupante.
L’Inter negli ultimi dieci anni ha giocato nove volte uscendo vincente solo in due casi, entrambi con Mancini (2-0 nel ’07-08 e 4-1 nel ’14-15). Per il resto due sconfitte (una clamorosa con Mourinho) e ben cinque pareggi per 1-1; un risultato che oggi de Boer accoglierebbe volentieri.

Nel primo tempo, Dramè va via sulla corsia di sinistra e tenta un tiro-cross, contenuto da Handanovic in qualche modo. Al 10’ ecco il vantaggio per la Dea: angolo di Freuler, spizzata di Kurtic e inserimento decisivo di Masiello sul secondo palo. Al 13’ ancora Atalanta: cross di Dramè dalla sinistra e colpo di testa di Conti, Handanovic respinge di pugno. L’Inter prova a reagire ma il dominio del gioco resta ai padroni di casa, tenaci e aggressivi.

Nel secondo tempo,  l’Inter trova il gol dell’1-1 subito al 50′: super punizione dai 35 metri di Eder, che fulmina con una botta di destro Berisha. Ancora Inter due minuti più tardi: Perisic dal limite con il sinistro non impensierisce Berisha. Torna a farsi viva la Dea al 59′: colpo di testa di Konko su corner di Freuler, para Handanovic. Al 66′ ci prova l’ex Pinilla su cross di Freuler, ma Handanovic non ha problemi a bloccare centrale. Al 78′ cross di Perisic dalla destra ma Icardi non riesce ad impattare come si deve. Al 79′ Berisha è miracoloso: il portiere albanese dice di no ad una botta a colpo sicuro di Perisic dal dischetto del rigore. Inter a un passo dall’1-2 al minuto 86: Perisic dalla sinistra per Joao Mario che, dal limite, scaglia un destro neutralizzato in ottimo modo ancora da Berisha. Svolta all’88’: Santon stende Kessie in aria di rigore e Doveri fischi penalty.

IL TABELLINO:
Atalanta – Inter 2-1

Reti: 10′ Masiello (A), 50′ Eder (I), 88′ Pinilla (A)

Ammoniti: 49′ Konko (A), 61′ Eder (I), 89′ Pinilla (A)

Espulsi:

Arbitro: Doveri

ATALANTA (3-5-2): Berisha; Toloi (47′ Konko), Caldara, Masiello; Conti, Kessie, Freuler, Kurtic, Dramè; Gomez (80′ Gagliardini), Petagna (61′ Pinilla). A disposizione: Sportiello, Cabezas, D’Alessandro, Grassi, Migliaccio, Paloschi, Raimondi, Spinazzola, Zukanovic.Allenatore: Gian Piero Gasperini

INTER (4-3-3): Handanovic; Nagatomo (61′ Ansaldi), Miranda, Murillo, Santon; Joao Mario, Medel, Brozovic (61′ Kondogbia); Perisic, Icardi, Eder (76′ Candreva). A disposizione: Carrizo, Banega, D’Ambrosio, Yao, Gabigol, Gnoukouri, Jovetic, Palacio, Ranocchia. Allenatore: Frank de Boer

 

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Ansaldi, Miranda, Murillo, Santon; Medel, Joao Mario; Candreva, Banega, Perisic; Icardi. A disposizione: Carrizo, Nagatomo, Ranocchia, D’Ambrosio, Miangue, Kondogbia, Brozovic, Gnoukouri, Palacio, Jovetic, Eder, Gabigol.Allenatore: Frank de Boer

Squalificati:

Indisponibili: Andreolli, Felipe Melo

Il migliore/ Peggiore nell’Inter 

Migliore: Murillo 7: in netta crescita il centrale difensivo colombiano. Fermato, in tandem con l’esperto Miranda, lo spauracchio Petagna e grande sicurezza in fase di impostazione. E’ decisivo in almeno tre occasioni con chiusure e diagonali chirurgiche. Nota positiva in casa Inter.

Peggiore: Brozovic 4,5:   A causa di sbagli diversi passaggi ed il suo apporto in fase difensiva non è notevole.

Il migliore/Peggiore nell’Atalanta

Migliore: Kessie 7,5: il  centrocampista è il punto di riferimento della mediana di Gasperini, attivo sia in fase di impostazione che di copertura.

Peggiore: Petagna 5:  Nella ripresa è invisibile e dopo 60′ Gasperini opta, per il cambio.

  •   
  •  
  •  
  •