Calcio, si riaccendono le speranze dei tifosi: Rigobert Song è uscito dal coma

Pubblicato il autore: Eleonora Belfiore Segui

Rigobert_Song_2008                                                                                                                  Rigobert Song

Buone notizie per tutti coloro che da anni seguono l’eclettico Rigobert Song, colpito da un grave aneurisma cerebrale. Il campione è uscito dal coma e  respira da solo; un segnale incoraggiante che lascia supporre una, seppur lenta, guarigione. Secondo i giornali inglesi, l’ex calciatore dovrebbe essere trasferito a breve presso l’ ospedale di  Pitié Salpêtrière di Parigi, non solo per proseguire le cure ma anche per iniziare quanto prima la riabilitazione. In queste circostanze, il fattore tempo è determinante. Le sue condizioni sono in netto miglioramento.  Sembra che si sia mosso persino il Ministro della Salute del Camerun, Andre Mama Fouda, per garantire il rapido trasferimento di Rigobert Song in Francia.
Song, che ha da poco compiuto quarant’anni ed è attualmente commissario tecnico del Ciad, si era sentito male nella sua residenza ed era stato immediatamente ricoverato. L’eccentrico campione  ha giocato in Francia, nel Metz,  poi una breve parentesi con la Salernitana nel lontano 1998 (nelle cui file giocò solo  quattro partite pur realizzando un record indimenticabile, il primo gol della squadra neopromossa in Serie A), infine è approdato in Premier League tra Liverpool e West Ham. In seguito ha indossato le maglie di Colonia, Lens, Galatasaray e Trabzonspor.  Il calcio è da sempre nel DNA di casa Song:  è infatti lo zio di Alexandre Song, con cui ha giocato anche in nazionale. Rigobert Song detiene, inoltre, il record di presenze con la maglia dei ‘Leoni Indomabili’, con cui ha vinto due Coppe d’Africa. Ma il suo nome è associato a ben altre “imprese”: è il primo giocatore nella storia dei Mondiali ad essere stato espulso due volte e in due edizioni differenti, ai Mondiali di Usa ’94 e nel 1998 in Francia. Tale record è stato eguagliato  solo dal bellicoso Zidane nel 2006! È anche l’unico calciatore africano ad aver giocato in  ben quattro edizioni diverse dei Mondiali (insieme a Samuel Eto’o che ha giocato nel ’98, 2002, 2010 e 2014). Sopratutto per i tifosi italiani, che nel bene e nel male non dimenticano,  il nome di Song sarà associato, come dicevamo, ad un’impresa eccezionale: il primo gol della Salernitana in serie A, nel campionato 1998/’99, all’Olimpico, contro la Roma. “Rigo”, come veniva chiamato simpaticamente,  fece  palpitare i cuori  dei tanti sostenitori della Salernitana, che, al termine di quella partita, invasero letteralmente la Capitale, malgrado la rimonta della Roma  che alla fine vinse 3-1, guidata dall’azione straordinaria di Francesco Totti e Paulo Sergio. Nonostante questo, quel tiro è ancora oggi nella memoria collettiva dei tifosi della Salernitana. Molto amato per il suo look eccentrico e la contagiosa simpatia, Rigobert Song è una specie di eroe nazionale in patria. Tanti i messaggi di auguri e solidarietà, lasciati anche sui social, nei confronti di un campione apprezzato da colleghi e sostenitori in tutto il mondo.
Non è la sola buona notizia del mondo del calcio: il figlio di Bonucci sembra stare finalmente meglio.  E’ lo stesso calciatore ad averlo ammesso durante la conferenza stampa tenutasi  a  Coverciano. Oltre a parlare della prossima impegnativa sfida  calcistica della Nazionale, il giocatore ha, infatti, voluto raccontare senza remore il difficile momento familiare vissuto recentemente.

 

 

 

 

 

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •