Cuba-Stati Uniti: quando il risultato non conta

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui

Cuba-Stati Uniti
Alle 22 ora italiana si è disputata l’amichevole CubaStati Uniti. In questo caso non c’erano i tre punti in palio come nella sfida del 2008 valevole per le qualificazioni ai mondiali in Sud Africa.  Questa era la prima sfida amichevole tra le due nazioni dal lontano 1947. In questa occasione hanno potuto seguire il match allo stadio di L’Avana anche i tifosi della nazionale a stelle e strisce.   Da fine agosto sono stati ripristinati i voli CubaStati Uniti segno di un ritrovato avvicinamento da parte dei due paesi, come testimoniato anche della visita del presidente Obama sull’isola caraibica. I cittadini americani quindi, potranno spendere i loro soldi sul territorio cubano, dichiarando che si tratta di un viaggio culturale.   Il match non ha potuto fornire grandi indicazioni al ct Jurgen Klinsmann.  Nonostante il grande divario tecnico i cubani, che non hanno mai eccelso in questo sport, se la sono giocata fino al novantesimo. Dopo un primo tempo soporifero, nella ripresa la partita è entrata nel vivo.  Sullo 0 a 0 la squadra caraibica ha anche colpito due pali con Reyes e Caballero. Alla fine però a prevalere è stato il maggior tasso tecnico degli statunitensi che sono andati in goal con Wondolowski e Green.  Nel finale gli animi si sono un pò surriscaldati. Un’entrata dura di Espinosa su Birnbaum ha scatenato una piccola rissa subito sedata dagli allenatori delle due nazionali. Il terreno di gioco dello stadio Pedro Marrero di L’Avana  Tra le fila della nazionale a stelle e strisce  milita Timothy Chandler terzino classe ’90 seguito dalla Roma. Cuba-Stati uniti, è stata anche la semifinale della Gold Cup, torneo al quale partecipano le nazionali nordamericane, centroamericane e caraibiche, del 2015.  Quella partita svoltasi  sul territorio americano ha visto la netta vittoria per 6 a 0 degli uomini allenati da Jurgen Klismann. Gli uomini di Klismann riprenderanno le qualificazioni per i mondiali del 2018 l’undici di novembre contro il Messico.  In questo quinto e ultimo turno a girone unico, si sfideranno le prime due dei gironi che si sono disputati nel turno precedente. Si qualificheranno direttamente per la Russia le prime tre classificate mentre la quarta dovrà affrontare uno spareggio. Dal punto di vista politico, questa partita ha una grande valenza.   Questo è il terzo evento congiunto Cuba-Stati Uniti nell’ultimo anno e mezzo. Il primo è stato il match tra New York Cosmos e nazionale cubana a L’Avana. Il secondo, al quale hanno assistito anche Obama e Raul Castro, è stato quello tra i Tampa Bay Rays e nuovamente la nazionale caraibica. Questa volta però si è trattato di un match di baseball.  Dal punto di vista americano questo evento può essere definito come il trionfo della diplomazia.  Fino a qualche anno fa era impensabile un’amichevole tra le due nazioni in territorio cubano.  Speriamo che questo possa essere soltanto l’inizio di una rinnovata collaborazione tra le due nazioni, non solo a livello sportivo ma anche politico.  Un canale diretto Cuba-Stati Uniti che deve continuare ad essere in stretto contatto anche nei prossimi anni indipendentemente dal vincitore delle elezioni americane nel mese di novembre.

  •   
  •  
  •  
  •