De Laurentiis: “Procuratori cancro del calcio. Juve poco elegante”

Pubblicato il autore: Francesco Sbordone Segui

aurelio-de-laurentiis-napoli_rn12epdru0sf1tuz0faxs335n
Pesanti dichiarazioni di De Laurentiis impegnato a Londra per il summit Sport Business Summit che ha toccato molti argomenti delicati in casa Napoli.

 

Dichiarazioni di  De Laurentiis

Il patron De Laurentiis ha parlato dell’ultima sessione di calciomercato: “L’amico Conte dirà che non è vero ma il Chelsea mi ha offerto, negli ultimi giorni di mercato, ben 58 milioni per Koulibaly – ha detto il presidente del Napoli-. Gli ho spiegato che quest’anno non potevo cederlo, vedremo l’anno prossimo. Vorrei venisse riformato tutto nel mondo del calcio. Mi piacerebbe una Champions con gironi di andata e ritorno”.
Forti le dichiarazioni di De Laurentiis verso il mondo dei procuratori: “Diritti d’immagine? Se ti pago, anche solo 80 euro, io poi voglio tutte le tue prestazioni”. Critiche anche verso i colossi dell’abbigliamento sportivo ed ai procuratori, che ha definito “il cancro del calcio”. Un mondo nel quale stanno entrando nuovi investitori: “La gente pensa che io sia pazzo, ma intanto loro perdono soldi e io no. La Cina e gli Stati Uniti saranno il futuro per questo sport”. Chiosa finale sulla questione stadio: “Costruirò uno stadio da 20mila posti con 5mila biglietti omaggio per tifosi meno abbienti. La Thatcher ha risolto il problema degli hooligans, il Napoli ha avuto problemi con lo stadio perché il comune non ha mai investito una lira nella manutenzione del San Paolo, e noi ci siamo ritrovati a dover giocare la Champions con numerosi problemi. Tra fare un film e costruire una squadra di calcio c’è una grossa differenza: fare un film vuol dire realizzare un’idea con un processo industriale, sai dove va un film in base a dove può arrivare la tua spinta di marketing. Con il calcio, questo non può succedere”.
Piccola frecciata alla Juventus nelle dichiarazioni di De Laurentiis: “Non è semplice, anzi non è possibile, trattenere un calciatore se nel suo contratto c’è una clausola rescissoria e c’è un club disposto a pagarla. Non mi aspettavo che questo club fosse la Juventus, che ha fatto una cosa a parer mio poco elegante”

  •   
  •  
  •  
  •