Futuro Buffon: “Allenare si, ma una Nazionale”. E per la Champions il capitano invita a fare di più

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
BuffonBuffon ed il suo futuro. Allo stato attuale, vista anche la prestazione di martedì a Lione in Champions League, si fa fatica a pensare ad un ruolo diverso rispetto a quello egregiamente ricoperto da vent’anni da Gigi Buffon, e cioè il portiere. Futuro Buffon –  Ma è stato lo stesso capitano della Juventus e della Nazionale a prospettare quello che potrebbe essere il suo futuro, una volta deciso di appendere i guantoni al chiodo. Lo ha fatto nel corso di una intervista al Corriere della Sera nella quale Buffon ha parlato dei suoi progetti futuri a partire, probabilmente, dal 2018.

” Al termine della mia carriera da giocatore  non sarei attratto dal ruolo di allenatore.   Non mi piacerebbe per la quotidianità richiesta dallo svolgere un ruolo del genere. Invece un ruolo da Commissario Tecnico di una Nazionale non lo escluderei a priori: mi rimarrebbero le emozioni del campo, ma anche un po’ di libertà per dedicarmi ad altre cose”.

Leggi anche:  LaLiga, dove vedere Barcellona-Osasuna: streaming e diretta tv

Buffon, quindi, scarta ogni possibilità di vederlo sulla panchina di un club ma non quella di diventare un allenatore di una Nazionale, incarico che potrebbe essere vagliato in futuro dal numero uno della Juventus. Ma adesso ci sono altri trofei da conquistare con la maglia bianconera, uno in particolare : la Champions League. Per provare a vincere il tanto atteso trofeo secondo Buffon la Juventus deve ancora migliorare su tanti aspetti.

” Se il nostro obiettivo è quello di arrivare il più lontano possibile in Europa quello che stiamo facendo ed esprimendo in campo adesso non ci può bastare. La Juventus deve migliorare”.

Infine Gianluigi Buffon ha speso parole al miele per quello che da tutti gli addetti ai lavori viene considerato il suo naturale erede ( quanto meno in Nazionale…alla Juventus chissà….), Donnarumma.

Leggi anche:  Corrado Ferlaino risponde a Cabrini: "Pessotto? Al Napoli non sarebbe mai successo"
” È riflessivo, intelligente, ha delle qualità straordinarie. Ha tutto per fare la storia del ruolo. Bisogna solo aspettare 20 anni e tirare le somme”

  •   
  •  
  •  
  •