Giampaolo è ok, Correa piangeva,Eder spingeva, Cassano…Vigilia derby: le parole di Ferrero, Romei e Osti in casa Sampdoria

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

Sampdoria
Giampaolo non si discute, lo dice forte e chiaro il presidente Massimo Ferrero salito al campi di allenamento di Bogliasco per dare inizio alla lunga settimana pre derby che la Sampdoria dovrà affrontare orfana di Viviano messo ko da un’infortunio alla mano. Le parole del presidente suonano forti e chiare: “ L’allenatore non è in discussione mai, l’ho già detto e lo ripeto. Diamo una mano alla Sampdoria e non cerchiamo di mettere zizzania a tutti i costi. Come ho trovato la squadra – chiede e si chiede Ferrero che poi si risponde – Ho fatto una bella chiacchierata con i ragazzi e li ho trovati affamati: sono giovani. hanno voglia di fare e mi hanno promessso che sabato sera mangeranno l’erba del “Ferraris”. Rispondendo poi in serata ai microfoni dell’emittente genovese Primocanale, Ferrero ha ribadito il concetto della fiducia a Giampaolo : “Ama la Sampdoria e quando l’ho scelto sdapevo che avrebbe avuto bisogno di tempo: dobbiamo darglielo“, ha ribadito Ferrero.
Poi da ospite d’onore ha parlato di Sampdoria a  360 gradi. Ovvio tornare sulle cessioni ma anche sugli allenatori: Mihajlovic, Zenga e “Quello che credevo un professore di calcio” riferendosi a Montella del quale Ferrero ricorda: ” Ranocchia l’ha voluto lui”.
E poi i capitoli giocatori andati via,  Correa: “Si è messo a piangere perchè voleva andare via“. Eder “Per trattenerlo abbiamo anche proposto un adeguamento di contratto importante, ha chiesto di andare via”. E poi, infine , Cassano: “Io ho molta stima del Cassano come giocatore, nessuno lo ha emarginato. Sono state fatte delle scelte tecniche. Vorrei ricordare che sono stato io a riportarlo alla Samp” ha concluso Ferrero ribadendo che è prossimo l’arrivo di Pradè che lavorerà con Osti. 
Ospite, invece , dell’emittente Telenord, l’avvocato Antonio Romei, braccio destro di Ferrero, che ha ribadito i medesimi concetti del presidente a partire dalla fiducia a Giampaolo, interprete di un progetto a medio termine legato ai giovani.
Romei ha poi affrontato la questione Cassano ribadendo che: “Antonio e la società hanno fatto  le loro scelte. Non ci sono novità. A gennaio  vedremo, ma per il momento le cose stanno così”. Per Romei con Pradé ci sono stati dei colloqui e l’idea è quella di rafforzare l’area tecnica della società anche se il direttore sportivo resterà Osti.
Poi l’avvocato Romei ha ammesso che ci sono stati dei contatti  con un gruppo americano ma non si è parlato di vendita della società: “Sono stati toccati argomenti di linea generale”.
osti-carlo-sala-stampa-sn24Ultimo a parlare è stato il direttore sportivo Carlo Osti, più volte chiamato in cause e che sembra saldo nel suo posto di diesse, sia che ci sia l’arrivo di Pradè o che non se ne faccia niente.
Ha parlato a margine dei festeggiamenti per i 50 anni del Sampdoria Club Gloriano Mugnaini di Rivarolo. Osti non si è sbilanciato e ha parlato del derby” Penso che questa sia la partita giusta al momento giusto: dai grandi toni agonistici” ha ribadito Osti che ha anche parlato dell’infortunio di Viviano dicendo che “Dispiace molto per lui . Gli faccio i migliori auguri  per un recupero veloce. Sono convinto che chi andrà in campo al suo posto saprà dimostrare il suo valore”. 

Leggi anche:  Juve-Toro, tutti i numeri e le curiosità del derby più antico
  •   
  •  
  •  
  •