Milan Albertini sui cinesi : “Devono avere obiettivi precisi e non puntare solo al business”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

albertiniIl suo ritorno al Milan, caldeggiato da buona parte dei tifosi rossoneri, non si è potuto materializzare. La presenza di diversi dirigenti pescati dall’Inter dalla nuova proprietà cinese del Milan non ha favorito l’ “incontro” tra Demetrio Albertini ed il gruppo  che si appresta ad acquistare il club rossonero. Oggi, tagliato ormai fuori dal possibile ruolo di ex bandiera all’interno della nuova dirigenza, l’ex centrocampista del Milan ha lanciato un possibile allarme per quanto riguarda la presenza di proprietà straniere nel calcio italiano.  Albertini, pur non chiudendo la porta alla possibilità di vedere anche in Italia un numero sempre maggiore di proprietari di club stranieri, ha messo in guardia dai loro reali obiettivi ed interessi. E per spiegare meglio il suo pensiero, Albertini, ha fatto l’esempio di quanto successo a Pavia con la  società di calcio fallita due anni dopo l’acquisto da parte di un gruppo cinese

Le dichiarazioni di Albertini.

” Le proprietà straniere in serie A possono starci – ha detto l’ex rossonero –  ma devono arrivare per finalità importanti e non solo per fare business. È successo in Inghiterra, meno in Spagna e in Germania. Bisogna capire le finalità di queste società e soprattutto che devono arrivare qui con obiettivi ben precisi. Bisogna solo aspettare e vedere che succede”.

Chissà se le parole dell’ex centrocampista rossonero devono essere lette da monito anche per l’attuale situazione del Milan….

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: