Rifiuto Maldini, su chi cadrà ora la scelta di Fassone?

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Arrivato come un fulmine a ciel sereno, Paolo Maldini attraverso il suo profilo Facebook ha annunciato il rifiuto del ruolo propostogli da Fassone nel nuovo Milan cinese

Paolo Maldini

Rifiuto Maldini, Fassone dovrà cercare un’altra bandiera per il Milan

Anche se tutti i tifosi del Milan aspettavano la risposta di Paolo Maldini in merito alla decisione da prendere sul ruolo propostogli da Marco Fassone di direttore tecnico in qualità di bandiera rossonera, nessuno si aspettava un no secco e improvviso come quello arrivato oggi.
Tra i tifosi, facendo un giro dei vari social, c’è rabbia e sgomento per quello che sarebbe potuto essere un amato oltre che il più romantico dei ritorni perché Maldini è stato, forse, l’ultimo grande capitano dopo Franco Baresi senza, comunque, voler screditare chi ha indossato la fascia dopo di lui.

Ufficiale, rifiuto Maldini: ecco quali potrebbero essere gli scenari

Forse un suo rifiuto era nell’aria perché le parole di Maldini nel corso di un’intervista rilasciata a Sky Sport hanno fatto presagire lo scenario che si è presentato oggi nel primo pomeriggio, tuttavia la speranza è sempre l’ultima a morire e questa speranza era nascosta dietro le parole dell’ex numero 3 che ha espresso il desiderio di incontrare Han Li per capire il suo effettivo ruolo nella nuova società.
Tutto ciò che si sa sul rifiuto di Maldini è all’interno del comunicato ufficiale rilasciato dallo stesso ex giocatore rossonero, resta, invece, ignota la strada che deciderà di percorrere Fassone con la nuova proprietà circa la scelta della bandiera rossonera.
I principali candidati restano Demetrio Albertini e Massimo Ambrosini con il secondo in pole e anche se al momento non c’è ancora nulla di concreto, i due non avrebbero nascosto un certo piacere nel poter entrare nell’organigramma di quella che sarà la nuova proprietà del Milan.
Non è, comunque, da escludere l’eliminazione della figura della bandiera da far entrare in società anche se quest’ipotesi al momento non sembra essere del tutto contemplata da Fassone che avrà il suo bel da fare per individuare il nuovo dt rossonero tra i rossoneri storici.

  •   
  •  
  •  
  •