Telenovela Maxi Lopez Wanda Nara Icardi mafia “pronta” a collaborare con l’ex attaccante del Catania?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Wanda-Nara-Mauro-Icardi-e-Maxi-LopezIn Argentina la “telenovela” Maxi Lopez Wanda Nara Icardi è seguitissima e regala sempre nuovi retroscena. L’ultimo, subito smentito dalla diretta interessata, è stato portato alla luce dal giornalista argentino Carlos Monti, nel programma “Bien Arriba”, in onda su Radio 10.  Lo stesso ha parlato addirittura della disponibilità da parte di soggetti legati alla mafia a compiere a favore di Maxi Lopez una “spedizione” contro l’attaccante dell’Inter Mauro Icardi. Icardi mafia Un’accusa gravissima.  Secondo quanto svelato dal popolare conduttore, una sera, nel corso dei primi mesi del 2014, quando Maxi Lopez era tornato a giocare a Catania e si era da poco separato da Wanda Nara, alcuni mafiosi si sarebbero accostati alla macchina del calciatore, offrendosi per picchiare il “rivale” Icardi. “Vuoi che andiamo da lui? Vuoi che gli rompiamo le gambe? Che non giochi più a calcio?”. Questo, secondo Carlos Monti, avrebbero detto gli uomini di “cosa nostra” a Maxi, che, però, avrebbe declinato. Il gruppo di mafiosi, comunque, avrebbe lasciato all’attaccante argentino un biglietto con il numero di telefono del loro capo.
Dopo il grande clamore mediatico che ha sollevato la vicenda sentimentale che ha visto protagonisti gli ex coniugi Maxi Lopez e Wanda Nara e la successiva unione tra la donna e Mauro Icardi adesso è stata messa dentro questa vicenda addirittura la criminalità organizzata. Anche noi come la stessa Wanda Nara crediamo che tutto ciò sia veramente di cattivo gusto ed offenda quanti, purtroppo, con la crudeltà della mafia hanno dovuto in realtà fare i conti. Ieri è arrivata la secca smentita di Wanda Nara.

Leggi anche:  Juventus, gara importante: primato e sorteggio più agevole
  “Monti non riesce a intervistare né me né Mauro e parla con la mafia siciliana… Quando non hai notizie, te le inventi: chiaro!”, ha scritto su Twitter la signora Icardi.
  •   
  •  
  •  
  •