Al campo della Sampdoria sparisce la “siepe” di Montella

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

montella

Di siepi, sicuramente, ce ne sono state di più famose di quella di cui andremo a parlare: una su tutte quella di leopardiana memoria “che da tanta parte da l’ultimo orizzonte il guardo esclude”. In questo caso, invece, si parla di quella che al campo di Bogliasco, sede di allenamento della Sampdoria, avevano ribattezzato la “siepe di Montella”. Il riferimento, per nulla letterario, era legato all’installazione, pretesa dall’attuale allenatore del Milan e per alcuni mesi della squadra blucerchiata,  di una lunga di fila di piante a bordo del campo inferiore. L’intento dichiarato non era quello di celare le evoluzioni dei calciatori in campo ai tifosi presenti ma, come era stato spiegato, che i “neuroni a specchio” dei calciatori si potessero distrarre durante le seduti di tattica. A giudicare dai risultati ottenuti da Montella nella sua breve apparizione sulla panchina doriana, fu davvero un esperimento fallito.
Ad essere sinceri la siepe di Montella, non era servita neppure nel settembre scorso, ad impedire che una mandria di cinghiali vaganti si avventurasse sul campo di allenamento devastandolo.
A questo punto, come ha rivelato il quotidiano genovese “Secolo XIX”, nei giorni scorsi la siepe tanto cara all’Aeroplanino ha cambiato sede. Complice il nubifragio che ha colpito la zona di Bogliasco e devastato alcune piante all’ingresso del campo, si è deciso di riutilizzare quel fogliame in eccesso per reimpiantarlo in altra sede. Evidentemente a Giampaolo, tecnico doriano, le odi leopardiane non servono per vincere il derby e battere l’Inter. Così, anche l’ultimo ricordo di Montella ha lasciato la Sampdoria. Di lui resta il “naufragio” in blucerchiato: di certo è cosa meno dolce di quello dei silenzi del grande di  Recanati.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Torino-Virtus Entella Coppa Italia, streaming gratis e diretta tv Rai 2?