Atletica leggera, Bolt si confessa: “Dopo i mondiali inizio col calcio”

Pubblicato il autore: valerio vitali

bolt calcio
In occasione della prima del film, realizzato su di lui dal titolo “I am Bolt, il re dell’atletica” (di certo non molto originale), il campione olimpico e mondiale ha parlato davanti ai cronisti presenti fuori dalla sala di un suo possibile approdo nel mondo del calcio.
Il pluriridato giamaicano già da tempo ha manifestato la sua voglia di entrare un’esperienza simile. In tempi non sospetti infatti, lo stesso atleta ha dichiarato in diversi momenti il suo tifo esagerato per il Manchester United, squadra che anche al di fuori dell’Europa ha un gran numero di supporters.

L’ADDIO AI PROSSIMI MONDIALI
Londra 2017
dovrebbe rappresentare quindi per Bolt l’addio con il mondo dell’atletica leggera, che gli ha dato tanto è vero, ma anche lui ha saputo contraccambiare macinando record su record in questo sport, segnando di continuo record mondiali ed olimpici, facendo avvicinare tantissime persone a questa disciplina proprio grazie alle sue imprese e grazie anche al personaggio che abilmente ha saputo crearsi tra una manifestazione e l’altra.

Leggi anche:  Milan, gli impegni del mese di Febbraio

Tra un anno dunque il capolinea della sua fantastica storia con l’atletica, dalla quale non può più trarre la linfa giusta per potersi migliorare ancora e come ha sottolineato più volte lo stesso Bolt: “Bisogna sapere quando è il momento di ritirarsi e farlo nel momento più alto della carriera rappresenta la cosa più saggia da fare”.

“IL CALCIO?UN MIO SOGNO DA SEMPRE”
Un ritornello questo che abbiamo sentito più e più volte ripetersi nel mondo dello sport. Il bello però sta tutto qui, ossia che Bolt di smettere con lo sport non ne ha proprio intenzione, anzi.
Come nel famoso programma TV di molti anni fa “Lascia o raddoppia”, il pluricampione olimpico ha deciso di raddoppiare, tentando la via nel mondo del calcio, come da lui stesso dichiarato proprio nella serata londinese della première del suo lungometraggio: “Londra 2017 il mio ultimo impegno nel mondo dell’atletica, poi voglio darmi al calcio professionistico, che è sempre stato un mio sogno”.

I PRECEDENTI
Bisogna sottolineare perché che non è la prima volta che Bolt si lascia andare a dichiarazioni simili. Tutti inoltre ricorderanno la sua giornata d’allenamento di qualche anno fa nel centro sportivo del Manchester United, quando ancora sulla panchina dei “Red Devils” sedeva un certo Sir Alex Ferguson, il quale permise all’atleta giamaicano di sfidare Giggs e Cristiano Ronaldo sulla velocità e sugli scatti e in quell’occasione, i molti giornalisti inglesi accorsi per il grande evento hanno giurato di aver visto del buon potenziale da calciatore.

Leggi anche:  Castrovillari-Catania, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Serie D

bolt utd

Per rimanere in tema, più recentemente, quasi un mese fa, il d.s. del Borussia Dortmund, Joachim Watzke ha annunciato in modo clamoroso un probabile inserimento di Bolt nella prima squadra: “Usain Bolt sia allenerà con noi e sappiate che non è uno scherzo e nemmeno una mossa di marketing”.
A dire il vero un pò di merchandising c’è, in quanto la “Puma”, sponsor sia di Bolt, sia del Borussia Dortmund vedrebbe la cosa di buon occhio, un’ulteriore occasione per trarne profitti da capogiro.

Il sogno di Bolt, quello di giocare a calcio potrebbe dunque avverarsi, come rivelato da lui stesso: “Non mi importa se giocherò in Premier o in una lega inferiore, poi se al Manchester United ancora meglio perché significherebbe realizzare un sogno, ma l’importante per me è giocare, sarebbe fantastico. Organizzeremo dei provini dove farò vedere tutte le mie qualità”.

Sogno che si realizza dunque per il più grande campione della storia dell’atletica leggera? Staremo a vedere, di certo, la velocità per scattare anche sul rettangolo verde non gli manca.

  •   
  •  
  •  
  •