Buffon, dopo calciopoli, nasce “scansopoli”?

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Serie A
Le parole di Gigi Buffon, riportate da La Gazzetta dello Sport, poi subito smentite dalla Juventus ieri, hanno alzato un vero polverone nel già polemico e mai lineare calcio italiano, sempre pieno di critiche in ogni angolo. Ma lo sfogo del capitano della Juventus e della Nazionale Italiana, che cercò di svegliare i compagni, non è rimasto inascoltato. La Gazzetta conferma, ed ora tutti aspettano novità. “In Italia si scansano in Europa no”. Ecco, ora cominciano anche a parlare i diretti interessati, come Allegri allenatore dei Campioni d’Italia; Spalletti, che insegue in classifica, o come fece Giampaolo, allenatore della Sampdoria che rinunciò ad una formazione competitiva per ostacolarsi alla Juventus. Il tecnico bianconero, oggi in conferenza stampa per la partita contro il Chievo Verona ha infatti detto che “in carriera non ha mai trovato nessuno che si scansasse, o che si sia opposto, ho trovato tutti sempre davanti”.
Spalletti, dal canto suo, commenta così le parole di Buffon: “Con noi nessuno si è mai scansato. S’impegnano sempre in tutte le gare”. E fa riferimento anche al portiere dell’Empoli (ma di proprietà giallorossa) Skorupski che domenica con degli interventi memorabili, ha evitato i tre punti per la Roma, fermando la rincorsa dei capitolini alla Juventus, che fugge solitaria. E dopo calciopoli, comincia a sorgere un altro termine, che chissà se avrà un futuro in questa stagione è scansopoli”. In Europa, conta il valore delle squadre che si affrontano, o perché non si scansano come ha sottolineato Buffon? Fatto sta, che in Premier League, Bundesliga e Liga, non si ascoltano mai questi argomenti.

Leggi anche:  Ziliani ricorda: "La profezia di Sacchi su Calciopoli il 5 maggio 2002 nella trasmissione Controcampo" (VIDEO)
  •   
  •  
  •  
  •