Difesa Napoli, gioie e dolori

Pubblicato il autore: Francesco Sbordone Segui

, nodifesa napoli
Difesa Napoli, due parole che nelle ultime settimane hanno suscitato dubbi e perplessità tra le fila dei tifosi partenopei. Dagli infortuni, passando per i tanti gol subiti, alla prossima Coppa d’Africa.

 

Difesa Napoli, le gioie

Finalmente una gioia verrebbe da dire. Raul Albiol questa mattina è tornato a lavorare con il gruppo e la SSC Napoli ha festeggiato l’evento con un’immagine condivisa sul suo profilo Twitter. Perchè il rientro dello spagnolo è fondamentale per Mister Sarri? Il centrale numero 33 si è infortunato nella gara contro il Benfica, da quel  momento i partenopei hanno subito ben 14 reti in 9 gare, contro le 6 subite nelle prime 7 con l’ex Real Madrid in campo. Una pedina fondamentale nello scacchiere azzurro, il difensore grazie alla sua esperienza e al senso della posizione ha trovato la giusta identità nella squadra partenopea.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid streaming live e diretta tv Sky o Mediaset? Dove vedere il match di Champions League

 

Difesa Napoli, i problemi

Oltre all’assenza di Raul Albiol, i problemi difesa Napoli sono stati anche a causa di Pepe Reina, non proprio al massimo della forma fisica e mentale. A prendere le difese dell’estremo difensore spagnolo ci ha pensato Luciano Castellini, ex portiere azzurro, che ha parlato ai microfoni di Radio Marte: “Da ex portiere e dopo aver giocato anche a Napoli non mi sento di criticare Reina. Il suo contributo alla causa azzurra resta positivo. Reggere le pressioni della piazza napoletana non è facile soprattutto dopo il trambusto che si è creato in estate. Sepe? Il suo impiego al posto di Reina creerebbe più di qualche problema e si tradurrebbe in una mancanza di fiducia nei confronti del portiere spagnolo. Da momenti di questo tipo se ne esce facendo mente locale e con gli allenamenti. Ai miei tempi mi chiudevo in casa e non aspettavo altro che la partita successiva”.
I guai non arrivano mai da soli per la difesa Napoli, secondo quanto riportato da La Gazzette du Fennec, Faouzi Ghoulam salterà il match tra la sua Algeria e la Nigeria a causa di un’infiammazione all’inguine. Un altro problema da risolvere per Maurizio Sarri dopo quello di Albiol. Lo staff medico dell’Algeria aveva chiesto uno sforzo al terzino sinistro azzurro  ritenuto indispensabile, ma oggi il ragazzo ha dovuto interrompere l’allenamento per un fortissimo dolore. In giornata si deciderà se rispedirlo a Napoli per rimettersi in sesto.

Leggi anche:  Cluj-Roma, Fonseca: "La nostra missione è vincere"

Dal 21 Gennaio il Napoli dovrà fare a meno sia di Ghoulam che di Koulibaly, impegnati con la Coppa d’Africa. Il Napoli si troverà costretto per quasi un mese a fare a meno di giocatori determinanti che poi vengono ‘restituiti’ alla causa del club in precarie condizioni fisiche.  Praticamente mezza difesa Napoli dei titolari non sarà a disposizione di Sarri: se per Koulibaly le alternative non mancano (Maksimovic e Chiriches danno buone garanzie), la defezione di Ghoulam potrebbe essere più difficile da ammortizzare con il solo Strinic di ruolo o Tonelli in grado di giocare su tutte e due le fasce.
Impegnate nella competizione Africana anche la Guinea di Diawara e il Marocco di El Kaddouri. Quasi sicuramente il giovane centrocampista ex Bologna non verrà convocato, qualche speranza in più per il trequartista ex Torino.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: