Incidente aereo Chapecoense: la tragedia poteva essere evitata?

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini

Incidente aereo Chapecoense

L’incidente aereo Chapecoense ha shockato tutto il mondo dello sport e non. In questo articolo di Supernews sono scritti tutti gli aggiornamenti dell’incidente aereo Chapecoense. A distanza di poco più di ventiquattro ore dall’incidente aereo Chapecoense si sta iniziando a fare chiarezze sulle cause dello schianto. Nel pomeriggio di ieri le squadre di soccorritori hanno ritrovato le due scatole nere e al momento sono due le ipotesi: guasto elettrico o, incredibilmente, esaurimento del carburante. Quest’ultima sembra essere la motivazione più probabile e ciò porta a un concetto chiaro e semplice: quel velivolo non avrebbe dovuto avere le autorizzazioni per volare. Questo pensiero viene rafforzato dalle parole di Miguel Borja, riportate sul sito della Gazzetta dello Sport: “Ho volato su quell’aereomobile. Un autentico incubo. Avevamo paura perché si tratta si un aereo minuscolo, obbligato a continui scali per il rifornimento di carburante”. Fa arrabbiare ancora di più il fatto che nel 2016 abbiano perso la vita 75 persone perché in alcuni paesi del Sudamerica non vengono rispettati degli standard di sicurezza che dovrebbero essere necessari per avere l’autorizzazione a volare. Dalle prime ricostruzioni sembra che l’aereo abbia lanciato una richiesta di atterraggio d’emergenza in seguito a un guasto elettrico. Per cause ancora sconosciute la torre di controllo sembra che abbia negato il permesso e che il velivolo abbia esaurito il carburante nell’attesa di ricevere l’ok per l’atterraggio di emergenza. Al momento sembrano essere queste le assurde motivazioni che hanno portato all’incidente aereo Chapecoense e alla morte di 75 persone…. nel 2016: tutto ciò ci lascia senza parole. Foto: indipendent.co.ok

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie C: AlbinoLeffe-Piacenza, le probabili formazioni