Juve, Roma, Napoli e Inter: che delusione in Europa!

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa Segui

 

Petizione tifosi interisti su Icardi


In Italia siamo abituati a pensare di essere i migliori al mondo nel gioco del calcio e ogni stagione che passa il concetto si rafforza sempre di più.
Al termine della sessione estiva del calciomercato tutti i tifosi delle grandi squadre italiane si sentono migliorati, rafforzati e pronti a combattere le grandi di Europa, salvo poi deprimersi non appena comincia davvero il calcio giocato.

Negli anni scorsi a essere toccata dalla cocente delusione di un mercato estivo favoloso fu la Roma di Rudi Garcia che – convinta anche dalla stampa e radio locali – decise di affrontare ad armi pari il Bayern Monaco che invece  umiliò i giallorossi infliggendo loro un pesantissimo 1-7 interno, facendo capire che la strada per raggiungerli non era vicina, ma lontanissima.

Quest’anno a partire in pompa magna estiva è stata la Juventus che – già fortissima di suo e dominatrice del campionato italiano da anni – ha acquistato Higuain, Pjanic, Benatia e Dani Alves pur perdendo Morata.

Leggi anche:  Eriksen-Inter: ecco quanto hanno sborsato i nerazzurri per acquistarlo

Televisioni, carta stampata ed emittenti radiofoniche tutti all’unisono: la Juventus, rafforzatasi brillantemente in ogni reparto, è in grado di affrontare ad armi pari le blasonatissime compagini europee e giungere sino in fondo in Champions League.

Il Napoli quest’anno, pur perdendo Higuain, è convinto di essere competitivo in ogni reparto, per aver rafforzato degnamente la rosa, e così anche la solita Roma e l’Inter, capace di allestire una formazione che almeno sulla carta è in grado di competere per lo scudetto e passare tranquillamente il girone di Europa League con le seconde linee.

Invece, come spesso accade, il campo dice cose diverse e il verdetto, purtroppo, appare già impietoso a inizio novembre.

E’ vero, infatti, che le nostre squadre sono tutte ancora in lizza per le qualificazioni europee – a parte l’Inter che dovrà compiere un grande sforzo ma comunque alla sua portata – ma la Juventus ha sofferto tantissimo con Siviglia e Lione e maramaldeggiato solo con i modestissimi croati della Dinamo Zagabria, e probabilmente finirà ancora una volta seconda nel girone.

Leggi anche:  Maradona Codacons, comunicato shock dell'associazione dei consumatori: "Non santifichiamolo, gli eroi sono altri"

Il Napoli ha perso in casa e poi pareggiato fuori col modesto Besiktas e dovrà lottare sino all’ultima gara per sapere se ce la farà a conquistare almeno il secondo posto.

La Roma – eliminata a preliminari di Champions da un Porto rivelatosi non esattamente uno squadrone – ha sofferto persino con il Viktoria Plzen e pareggiato in casa con i modesti austriaci dell’Austria Vienna capaci pure di rimontare due gol nei pochi minuti di finale di gara.

Sulla campagna europea dell’Inter meglio stendere un velo pietoso visto la sconfitta interna con Hapoel Beer Sheva e quella con i cechi dello Sparta Praga.

In linea con le (poche) aspettative il Sassuolo, mentre va un pò meglio alla Fiorentina visto lo scarso livello delle sue antagoniste di girone, paragonabili a squadre di centro classifica della nostra serie B.

Leggi anche:  LaLiga, dove vedere Valencia-Atletico Madrid: streaming e diretta tv

Detto che siamo ancora ai primi di novembre e che tutte le suddette squadre possono ancora dire la loro nelle rispettive competizioni, le difficoltà riscontrate dalle nostre formazioni e i risultati ottenuti non fanno pensare a sogni di gloria soprattutto se vediamo giocare le solite Bayern Monaco, Barcellona, Atletico e Real Madrid.

Forse far scendere di un gradino i sogni del calcio italiano non sarebbe una cattiva idea, riflettere che per competere ad alto livello non è sufficiente rafforzare una singola squadra, ma che tutto il calcio italiano deve crescere soprattutto come movimento globale, con una progressiva espansione del settore giovanile, degli stadi e soprattutto dei diritti televisivi che, con le regole attuali, penalizzano in maniera netta il nostro calcio.

  •   
  •  
  •  
  •