Kiraly ritiro, addio alla nazionale per lo storico portiere dopo Ungheria-Svezia

Pubblicato il autore: lorenzo muffato

gabor-kiraly_0Kiraly ritiro- In questa serata di qualificazioni mondiali e amichevoli di prestigio internazionale, a Budapest, precisamente allo stadio Groupama Arena, si è appena conclusa Ungheria-Svezia, amichevole che ha sancito la fine di una leggenda. Sì, perché si è appena ritirato dalla nazionale a più di 40 anni la leggenda degli estremi difensori. Kiraly, il portiere che para con il pantalone grigio di felpa, contro lo stile ricercato dei giocatori che vogliono sempre più apparire davanti alle telecamere per conto degli sponsor.

Il match si è appena concluso sul risultato di 0-2. Gabor Kiraly, però, ha mantenuto i suoi pali imbattuti, perché al minuto 29′ ha lasciato il campo per Megyeri, ventiseienne portiere del Getafe. Un’atmosfera unica, tra applausi e cori per il “giovane” portiere che ha sempre difeso la porta della sua nazionale, cominciando la trafila dall’under 19 fino alla prima squadra dove vi giocava dal 1998.
Tra club e Nazionale ha giocato più di 750 partite professionistiche, diventando anche il giocatore più anziano ad aver mai debuttato e giocato in un europeo, quello del 2016, dove ha negato più volte il gol a Cristiano Ronaldo e compagni.

Leggi anche:  Liga Profesional 2023, streaming gratis Mola Tv e diretta tv Sportitalia? Dove vedere campionato argentino

Kiraly ritiro- Non è finita qui l’avventura dell’estremo difensore. Continuerà ancora a far divertire e emozionare i suoi tifosi con i suoi mitici pantaloni di felpa grigi, particolare che lo ha sempre contraddistinto. Difenderà i pali del Szombathely Haladas, club fondato nel 1919, sperando che l’eroico Kiraly possa celebrare il centenario con la maglia del suo club.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: