Mastalli Juve Stabia ti porto in B. Edu Vargas rimpianto Napoli?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini

Mastalli Juve Stabia è nata una stella. Edu Vargas, perché fenomeno solo con il Cile?

mastalli juve stabia

Mastalli Juve Stabia ha il suo giovane leader

Mastalli Juve Stabia ha il suo faro, la capolista del girone C della Lega Pro ha nell’ex primavera del Milan il proprio regista e leader del centrocampo. Classe 1996, Mastalli ha fatto tutta la trafila nelle giovanili rossonere, diventando prima capitano degli Allievi e poi della Primavera di Pippo Inzaghi. Con il Milan Mastalli ha vinto la Coppa Carnevale a Viareggio nel 2014, in finale contro l’Anderlecht, prima di cominciare la carriera tra i grandi. Il talentuoso centrocampista nella scorsa stagione ha giocato in Svizzera, nel Lugano di Zeman, esperienza vissuta tra luci e ombre. La scorsa estate la prima vera svolta nella vita calcistica di Mastalli, il giovane centrocampista lascia definitivamente il Milan e firma un triennale con la Juve Stabia. Fortemente voluto dall’allenatore delle vespe, Gaetano Fontana, che tra l’altro da giocatore ricopriva lo stesso ruolo di Mastalli. Dopo un avvio stentato, Mastalli è diventato un titolare inamovibile della Juve Stabia, diventando uno dei giovani più interessanti di tutta la Lega Pro. Classico volante davanti alla difesa, Mastalli nella scorsa giornata contro la Casertana ha anche segnato il suo primo gol con la maglia della Juve Stabia. Davvero un peccato che il Milan si sia privato di un talento del genere, per soli 200mila euro, forse con Montella avrebbe trovato anche lui spazio in prima squadra. Mastallli Juve Stabia Lega Pro è il presente, un trampolino di lancio per questo ragazzo che sogna di tornare a Milanello da protagonista. Intanto c’è un campionato da vincere, quello del girone C della Lega Pro, le Vespe sono prime, ma Lecce,Foggia e Matera lotteranno fino alla fine con la squadra di Fontana per arrivare in serie B. Mastalli ha la fiducia dell’allenatore e di tutto l’ambiente stabiese, la Lega Pro è sempre un ottima palestra per i giovani talenti che hanno fame e voglia di arrivare, sentiremo ancora parlare di Alessandro Mastalli da Bologna, poco ma sicuro.

Leggi anche:  Serie A: Monza-Sampdoria, le probabili formazioni

Mastalli Juve Stabia sognano in grande, Vargas è un rimpianto per il Napoli

Mastalli Juve Stabia potrebbe essere un grande rimpianto per il Milan, Edu Vargas è già oggi un cruccio per il Napoli di Sarri visto le difficoltà in attacco? L’attaccante cileno che in questi giorni compie 27 anni(il 20 novembre) continua a segnare con la propria nazionale, meno con l’Hoffenheim, sua attuale squadra di club. Vargas arriva in Italia nel gennaio del 2012, con Mazzarri in panchina, 19 presenze in campionato e zero gol. La stagione successiva sembra è partire meglio per Vargas, che realizza una tripletta in Europa League, ma il rapporto con Mazzarri stenta a decollare. Nel gennaio 2013 Vargas va in Brasile, in prestito al Gremio, a fine anno termina l”esperienza con i brasiliani e si trasferisce, sempre a titolo temporaneo, al Valencia. In Spagna le cose vanno discretamente, qualche gol in Europa League e l’ennesimo ritorno a Napoli, stavolta con Benitez in panchina. Neanche con il tecnico spagnolo nasce il giusto feeling, Vargas nell’estate 2014 va al Qpr, in Premier League, stagione che si conclude con la retrocessione in Championship del club londinese. Dopo la fine dell’ennesimo prestito il Napoli cede definitivamente Vargas ai tedeschi dell’Hoffenheim, dove fino ad ora ha segnato solo 2 gol in Bundesliga.
Nonostante questa poca continuità con i club, Vargas durante l’ultimo quadriennio viene regolarmente convocato in nazionale, prima da Sampaoli e poi da Pizzi. Il Cile è una delle squadre più forti del Sudamerica, come dimostrano i due trionfi consecutivi in Copa America, come è mai possibile che un attaccante come Vargas così discontinuo solo in nazionale trovi il suo habitat naturale? Un mistero che a Napoli si stanno ancora chiedendo, con Milik in stampelle e Gabbiadini che stenta, forse i tifosi azzurri lo riaccoglierebbero a braccia aperte come fecero a Capodichino nel gennaio 2012.

  •   
  •  
  •  
  •