Napoli, Hamsik: “Milik si sente la tua mancanza”

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

Formazioni ufficiali Dinamo Kiev NapoliSono ripresi oggi gli allenamenti del Napoli a Castel Volturno. Nella giornata si dovranno valutare anche le condizioni di Manolo Gabbiadini ( al suo posto è stato convocato Lapadula), rientrato da Coverciano per un affaticamento muscolare; il giocatore verrà sottoposto ad esami strumentali, è fondamentale che sia disponibile per la partita di Udine, visto l’infortunio di Milik.
Proprio del giocatore polacco ha parlato Marek Hamsik, capitano azzurro ora in ritiro con la Slovacchia: “Sicuramente ci manca tanto. E’ un giocatore di classe mondiale. Ciò nonostante ogni partita abbiamo 7-8 occasioni da gol che non concretizziamo. Bisogna fare meglio ed essere più precisi”.

L’assenza del polacco nelle ultime due gare si è sentita, e menomale che ci ha pensato lui a “sostituirlo”  andando a segno sia contro il Besiktas e la Lazio.
“I nostri ultimi risultati non sono stati dei migliori, ma abbiamo giocato partite di qualità. Per le prestazioni che abbiamo sfoggiato meritavamo più punti. Sono stato molto contento per le reti, hanno avuto un peso importante. Per fortuna riguardo all’uscita anticipata contro la Lazio non era nulla di grave. Erano solo crampi, mi sentivo stanco. Non volevo rischiare ed ho preferito uscire. Ora mi sento bene e non vedo l’ora di scendere in campo venerdì con la mia nazionale”.
Proprio sulla nazionale, ha rilasciato giusto due parole in vista della partita che la Slovacchia dovrà affrontare contro la Lituania: “Non possiamo sottovalutare il nostro avversario, ha fatto buoni risultati e per questo dobbiamo prepararci. La posta in gioco è importante, per questo dobbiamo dare tutto e conquistare i tre punti”.

Leggi anche:  Bruscolotti e Taglialatela replicano a Cabrini: "Non ci può dare lezioni di vita, sanno tanto di pregiudizi"

Nel frattempo Milik ha rilasciato delle dichiarazioni ad un portale polacco SportoweFakty : “Quando ho saputo la diagnosi, ho pianto. I primi giorni sono stati difficili. Ero depresso, ma ho dovuto reagire. Mi hanno aiutato molto i tifosi nei primi giorni: mi hanno inviato tantissimi messaggi. Mi sono chiesto: ‘cos’è successo?’. Al 99%, in quelle situazioni, te la cavi al massimo con una lieve contusione. E’ il mio primo infortunio grave. La riabilitazione procede, ma non è una corsa contro il tempo.Mi alleno due volte al giorno. Dalle 9 alle 16. Poi faccio cyclette, piscina e altri esercizi supplementari per rinforzare i muscoli. Tutto sta andando secondo i piani”.

L’ex attaccante dell’Ajax si è soffermato anche su un episodio curioso che gli è capitato al di fuori del terreno di gioco e dei consigli ricevuti dai compagni: “L’episodio più curioso che mi è capitato è stato l’essere inseguito da uno scooter per 5 km. Ad un semaforo mi hanno fatto abbassare il finestrino. Tutto questo solo per avere un autografo, ed io avevo paura che volessero altro. I compagni di squadra mi hanno consigliato di non portare in giro oggetti molto costosi, come un orologio di lusso, perché non sarebbe stato sicuro. Vivo tra Napoli e Castel Volturno, è una comodità essere vicino al nostro centro di allenamento”.

Leggi anche:  LaLiga, dove vedere Valencia-Atletico Madrid: streaming e diretta tv

Tornando all’infortunio De Laurentiis si augura di vederlo in campo dal 15 gennaio, lui parla di fine marzo. “Voglio tornare il più presto possibile, ma senza accelerare i tempi. Ho una carriera davanti e ciò che sto perdendo in questo periodo lo recupererò in seguito. Tornerò in campo quando sarò al 100%. Spero in primavera”.

  •   
  •  
  •  
  •